La Nuova Sardegna

Nuoro

Il lutto

Giovane di Arzana muore a un anno dall’incidente

di Lamberto Cugudda
Giovane di Arzana muore a un anno dall’incidente

Nicola Demurtas aveva 24 anni, è spirato a Parma

16 aprile 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Arzana Nicola Demurtas, il giovane che avrebbe compiuto 25 anni fra qualche mese è spirato in un ospedale di Parma, dove si trovava ricoverato in attesa di essere sottoposto a un delicato intervento chirurgico. Tutta la comunità arzanese stata sempre vicino alla sua famiglia, da quando, poco meno di un anno fa, nelle nottata dell’ultimo giorno di aprile, mentre era in auto con un amico era rimasto vittima di un grave incidente lungo la strada che porta alla frazione baunese di Santa Maria Navarrese.

Dopo esere stato in coma, Nicola Demurtas era stato trasferito dall’ospedale di Oristano a quello di Parma. Ma nonostante le speranze, il giovane di 24 anni è deceduto. La notizia ieri ha raggiunto come un fulmine a ciel sereno il paese ogliastrino, dove il giovane era molto conosciuto e benvoluto da tutti. Il sindaco Angelo Stochino ha annunciato che non appena si saprà quando la salma potrà fare rientro ad Arzana e verranno fissati i funerali, proclamerà una giornata di lutto cittadino. «I titolari delle attività produttive e commerciali presenti sul territorio e le organizzazioni sociali, culturali e produttive del paese», si legge nell’ordinanza, sono invitati ad abbassare le saracinesche durante la celebrazione delle esequie.

«Conoscevo bene Nicola Demurtas – ha affermato il sindaco – e la notizia della sua morte ha colpito profondamente tutta Arzana. Siamo vicini alla sua famiglia e a tutti i suoi amici. L’ultima volta l’ho visto a Siena, durante la festa di laurea di una mia nipote. Come sempre era solare, aveva quella luminosità che solo le persone buone riescono a fare emergere. Faceva parte di un gruppo di ragazzi seri ed educati, a cui tutti vorrebbero affidare il futuro di una comunità. Mancherà profondamente a tutti. Ma niente e nessuno potrà mai cancellare il suo sorriso e la sua voglia di guardare al futuro con grande bontà d’animo». 
 

In Primo Piano
Cattedre vacanti

Assalto alla scuola, nell’isola in quattromila a caccia di una supplenza

di Silvia Sanna
Le nostre iniziative