La Nuova Sardegna

Nuoro

Tempo libero

Nuoro, piscina di Farcana: arriva il bando bis

di Valeria Gianoglio
Nuoro, piscina di Farcana: arriva il bando bis

Dopo la prima gara andata deserta il Comune ci riprova. Aggiunge 9mila euro per coprire eventualmente il caro-luce e acqua

21 maggio 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Nuoro Poco più di 10mila euro, oltre all’Iva, finora non sono bastati, evidentemente, per convincere i potenziale candidati alla gestione della piscina olimpionica di Farcana, sul monte Ortobene. Tant’è che all’ultima seduta della gara per affidare l’impianto non si è presentato proprio nessuno. Ed è stata dichiarata deserta.

Così, stavolta, il Comune ha deciso di riprovarci sì, ma aggiungendo qualcosa che prima non era contemplato nell’avviso pubblico: il settore Sport e politiche educative di palazzo civico lo definisce «un ulteriore elemento di remunerazione al concessionario, a stabilite forme di garanzia dell’equilibrio economico anche alla luce dei rincari energetici e idrici».

La sola vasca olimpionica, del resto, ha una capacità di un milione e 760mila litri d’acqua, che vanno scaldati e puliti. In parole povere, considerati gli aumenti esorbitanti del costo di luce e acqua che anche gli utenti privati constatano ogni volta che ricevono le bollette domestiche, il Comune è dovuto correre ai ripari e convincere i possibili candidati alla gestione dell’impianto di Farcana aggiungendo, ai diecimila euro di contributo già stanziato, altri novemila euro «quale garanzia della stazione stazione appaltante alla copertura delle voci di costo energetiche».

Se queste voci di costo fossero, dunque, insostenibili per il futuro gestore, il Comune si impegnerà a coprirli lui fino alla cifra di novemila euro. Nel caso nel quale, specifica il Comune, «la gestione della struttura sportiva non sia in grado di assicurare la copertura di eventuali passività», stavolta a metterci una pezza ci penserà lo stesso municipio.

Eccolo qui, insomma, il nuovo avviso pubblico per assegnare la gestione della piscina scoperta a partire da giugno e fino a settembre. Per presentare la propria candidatura alla gestione, questa volta, c’è tempo fino mercoledì 24 maggio. Chi si aggiudicherà l’impianto per la stagione estiva ormai prossima, prima dell’avvio del servizio dovrà eseguire diversi lavori.

La piscina, infatti, è chiusa dalla fine della scorsa estate e i mesi che sono passati, ovviamente, ne hanno messo a dura prova la struttura. Ha bisogno, dunque, di diversi interventi di manutenzione, e per questo motivo il Comune, di base, concederà al gestore un contributo di 10mila e 140 euro, oltre a dare una ulteriore garanzia di altri novemila euro nel caso di costi energetici esorbitanti e fuori dalla portata del gestore. 

In Primo Piano
Il giallo

L’appello del fratello di Francesca Deidda al presunto omicida: «Dica la verità»

di Luciano Onnis
Le nostre iniziative