La Nuova Sardegna

Nuoro

Carabinieri

Violenza sessuale, minacce e percosse su una coppia di turisti: nei guai tre giovani di Tertenia

Violenza sessuale, minacce e percosse su una coppia di turisti: nei guai tre giovani di Tertenia

Durante la Festa della birra hanno pesantemente molestato i due fidanzati. Uno dei tre aggressori, di 23 anni, ora è agli arresti domiciliari per spaccio di droga

03 agosto 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Tertenia I carabinieri della Stazione di Tertenia, supportati dai colleghi del Nucleo radiomobile della Compagnia di Jerzu, hanno arrestato un 23enne del posto per detenzione di droga a fini di spaccio. I fatti risalgono al tardo pomeriggio del 31 luglio scorso, quando a seguito delle immediate indagini avviate subito dopo un’aggressione avvenuta la notte del 30 luglio nei confronti di una coppia di giovani turisti in villeggiatura in Tertenia, località balneare "Foxi manna", che durante la "festa della birra" in corso di svolgimento, era stata avvicinata da tre individui, i quali - dopo un primo approccio amichevole - hanno minacciato verbalmente i malcapitati, palpeggiato la donna e picchiato il ragazzo con spinte e schiaffi. I due giovani hanno cercato di sfuggire alle violenze allontanandosi in auto, ma sono stati inseguiti e più volte speronati dai tre aggressori a bordo di un’autovettura, per poi allontanarsi nel tentativo di far perdere le proprie tracce.

I tre aggressori, riconosciuti dalla coppia a seguito di riconoscimento fotografico, venivano denunciati in stato di libertà complessivamente per i reati di violenza sessuale, minaccia, percosse, violenza privata, e l’auto utilizzata per inseguire la coppia veniva posta sotto sequestro per poter eseguire i rilievi tecnici del caso. Proprio in questa fase i carabinieri hanno eseguito una perquisizione personale del 23enne e del suo veicolo, che portava al rinvenimento, all’interno del vano portafusibili, di ben dieci dosi di cocaina costituiti da involucri termosaldati per un peso totale di 5 grammi di sostanza stupefacente. Il giovane, arrestato, terminate le formalità di rito è stato accompagnato a casa, in regime di arresti domiciliari, in attesa dell’udienza per direttissima.

In Primo Piano
Cattedre vacanti

Assalto alla scuola, nell’isola in quattromila a caccia di una supplenza

di Silvia Sanna
Le nostre iniziative