La Nuova Sardegna

Nuoro

La svolta

Bitti, doloso l’incendio in Comune


	L'intervento dei Vigili del fuoco al Comune di Bitti
L'intervento dei Vigili del fuoco al Comune di Bitti

I primi riscontri dei Vigili del fuoco escludono il fatto accidentale. Già avviate le indagini

01 ottobre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Bitt E’ doloso l’incendio che si è sviluppato ieri mattina, nell’ultimo piano del Comune di Bitti. Lo evidenziano le prime verifiche dei Vigili del fuoco, arrivati rapidamente da Nuoro per domare il rogo con tempestività e professionalità, dopo la segnalazione di alcuni cittadini agli amministratori comunali. Le fiamme non sono quindi riconducibili a un guasto tecnico nè a un corto circuito. Gli amministratori, preoccupati da questa prima analisi, hanno quindi chiesto subito l’intervento delle forze dell’ordine, a cui hanno consegnato tutte le immagini di videosorveglianza disponibili dell’ingresso della Domo Cumonale, così da far chiarezza quanto prima su fatti che rischiano di turbare la serenità dell’amministrazione locale e di tutta la comunità. Il paese di Bitti ha a disposizione una capillare rete di videosorveglianza pienamente operante e posizionata in diversi punti del centro abitato. Proprio nei giorni scorsi si sono svolti una serie di interventi di manutenzione che hanno assicurato il buon funzionamento dell’impianto, verificato ancora una volta nella giornata di ieri. I danni. L’area interessata dai danni, in un piano dove si trovano materiali documentali del Comune, è circoscritta a un solo scaffale dove non si sono sviluppate tuttavia fiamme alte o visibili. Per tutta la giornata di ieri e ancora oggi, amministratori e dipendenti comunali, coadiuvati dal prezioso intervento della Soprintendenza archivistica della Sardegna, con Monica Grossi (soprintendente) e Consuelo Costa (funzionaria Archivista di Stato), e dei Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Cagliari, hanno lavorato per la messa in sicurezza dei materiali interessati dal rogo. Da una prima stima pare che siano stati danneggiati e forse in minima parte distrutti dei documenti storici, non utili all’attività amministrativa, ma che andranno comunque recuperati. “L’augurio – ha osservato il sindaco di Bitti, Giuseppe Ciccolini – è che si faccia rapidamente chiarezza sui fatti e per questo ci affidiamo all’alta professionalità delle forze dell’ordine, a cui abbiamo assicurato tutta la nostra collaborazione, affinché si verifichi ogni dettaglio utile per ricostruire la verità che va consegnata ai cittadini di Bitti e ai loro amministratori”.

In Primo Piano
Politica

Sassari, il primo discorso di Giuseppe Mascia: «È venuto il momento della responsabilità: le priorità sono lavoro e salute»

di Giovanni Bua
Le nostre iniziative