La Nuova Sardegna

Nuoro

Baronia

Spari nella sede del consorzio di bonifica di Siniscola, il consigliere comunale Giovanni Bomboi è ricercato dai carabinieri

di Sergio Secci
Spari nella sede del consorzio di bonifica di Siniscola, il consigliere comunale Giovanni Bomboi è ricercato dai carabinieri

Ieri l’uomo era stato sorpreso a innaffiare nonostante i divieti per la siccità. Una settimana fa un post su Facebook sull’emergenza idrica

20 maggio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Siniscola È il consigliere comunale di Siniscola Giovanni Bomboi l’uomo ad aver sparato questa mattina, lunedì 20 maggio, alcuni colpi di pistola nella sede del consorzio di bonifica della Sardegna centrale. Ieri l’uomo era stato sorpreso dagli operai dell’ente a irrigare nonostante i divieti imposti per la grave siccità che interessa il territorio.

Oggi Bomboi, probabilmente sapendo di dover ricevere la notifica della sanzione, si è recato nella sede del consorzio dove ne sarebbe nato un diverbio con alcuni dipendenti lì presenti. A quel punto, il consigliere ha preso una pistola dalla sua auto cominciando a sparare. Uno dei proiettili ha colpito un mezzo del consorzio che era parcheggiato nella zona.

Sul posto è intervenuta la Scientifica, che sta rilevando i colpi esplosi per stabilire con esattezza che cosa è avvenuto e se i colpi erano indirizzati ad altezza uomo. Nel frattempo, è partita la caccia all’uomo. Le forze dell’ordine stanno cercando di rintracciare Bomboi che però si è reso irreperibile.

Il post su Facebook Il 12 maggio scorso, Giovanni Bomboi ha pubblicato questo post su Facebook, a proposito dell’emergenza idrica:  «Ormai la stagione estiva è agli inizi, quest'anno con l'emergenza siccità credo che ci ritroveremo un pochino tutti ad avere dei problemi a riguardo. Un mio pensiero per cercare una soluzione più immediata sarebbe che i comuni costieri con maggior afflusso turistico investissero i soldi che incassano dalla tassa di soggiorno in dissalatori garantendo un servizio e dando una garanzia a tutte le attività. Soldi per altro che andrebbero investiti in servizi credo per il bene di tutti».

In Primo Piano

L'annuncio

Autonomia differenziata, la Regione Sardegna ricorre alla Corte costituzionale contro la riforma del Governo

Le nostre iniziative