La Nuova Sardegna

Olbia

L’Ipia trionfa nella Remata della Gioventù

L’Ipia trionfa nella Remata della Gioventù

I vincitori precedono il Pira di Siniscola e lo scientifico Mossa. Fra gli ospiti d’eccezione Ricky Albertosi

09 giugno 2013
2 MINUTI DI LETTURA





OLBIA. Sincronizzano le vogate e si lanciano alla conquista del golfo. Con la sola forza delle braccia, manovrano il pesante palischermo verso una vittoria già scritta nel libro dei pronostici. Gli studenti dell’istituto Ipia si impadroniscono delle acque olbiesi. Affondano la concorrenza e trionfano nella quarta edizione della «Remata della gioventù», seguiti dai ragazzi del nautico Pira di Siniscola e del liceo scientifico Mossa. Dopo mesi di faticosi allenamenti, cominciati a febbraio sotto la guida di esperti lupi di mare, gli studenti di undici scuole superiori isolane hanno trasformato, ieri mattina, lo specchio d’acqua di Porto Romano in un campo di battaglia navale, per una gara tra istituti a bordo di palischermi della Marina militare. Oltre i primi tre classificati, hanno preso parte alla divertente competizione anche il tecnico Deffenu, il liceo classico Gramsci e il tecnico Panedda, insieme ad altre sei scuole arrivate da diverse città della Sardegna, come lo scientifico di Siniscola, il nautico Millelire della Maddalena, l’Ipia di Oschiri, il Paglietti di Porto Torres e il nautico Buccari di Cagliari. Ritirato soltanto all’ultimo, invece, il liceo artistico De André di Olbia. Ma i veri protagonisti della giornata sono loro, gli studenti del professionale Ipia. Campioni di remata per la terza volta, contando anche la vittoria morale dello scorso anno, per quel secondo posto alle spalle degli allievi sottufficiali della Marina di Mariscuola della Maddalena, più esperti e più grandi d'età. «Con questa vittoria passa un messaggio educativo molto importante – esulta il preside Gianluca Corda -. Cioè che con del serio allenamento e con del buon lavoro si possono raggiungere grossi risultati». Entusiasti anche l’istruttore Paolo Mura e il professore di educazione fisica Vittorio Petta, che ha spronato e guidato i 13 studenti campioni: Mirko Demontis, Pietro Seazzu, Federico Dessena, Shut Bogdan, Ian e Francesco Medda, Paolo Marino, Alessandro Saba, Roberto Atzena, Marco Deiana, Luca Campo, Alessandro Farris e Fabio Manzoni. La quarta edizione della «Remata della gioventù» - ideata da Antioco Tilocca e organizzata dalla Lega navale - ha ospitato anche le esibizioni della Guardia costiera e degli atleti del Circolo Canottieri Olbia. Ma anche una mini-remata vinta dai ragazzi della Direzione marittima, primi davanti a quelli della Marina militare a un equipaggio di ex studenti-vogatori. Premiati anche i ragazzi del Deffenu, che si sono aggiudicati una gara di nodi andata in scena qualche settimana fa. La remata è stata seguita da centinaia di persone spalate lungo via Escrivà, tra cui due ospiti d’eccezione: Ricky Albertosi, portiere del Cagliari dello scudetto, che ha salutato i ragazzi prima della remata, e il vescovo monsignor Sebastiano Sanguinetti.

Elezioni regionali 2024
La polemica

Alessandra Todde a Christian Solinas: «Sospenda le 200 delibere inopportunamente adottate all’oscuro dei cittadini sardi»

Le nostre iniziative