Villaggio di Harrods a Porto Cervo, lettera intimidatoria al sindaco di Arzachena

Il primo cittadino Alberto Ragnedda reagisce pubblicamente: "Strategia mafiosa per farci fare scelte diverse"

ARZACHENA. “Una strategia mafiosa per costringere l’amministrazione comunale a cambiare rotta alle proprie scelte”. E’questo il commento del sindaco Alberto Ragnedda alla lettera anonima, firmata da un “onesto cittadino” ricevuta giovedì mattina e inviata anche al procuratore della Repubblica di Tempio, Domenico Fiordalisi, ai carabinieri di Arzachena e Porto Cervo, al presidente della Regione e all’assessore regionale all’Urbanistica. Nella missiva, il primo cittadino, l’assessore all’Edilizia privata Gianni Baffigo e il delegato alle Attività produttive Franco Carletti di essere pronti a incassare 200mila euro per autorizzare il villaggio del lusso di Harrods, nel piazzale del Porto vecchio di Porto Cervo.

Sul Prestige village lo scorso anno la procura di Tempio ha aperto due inchieste. Una sui presunti abusi edilizi commessi dalla società proprietaria della Costa Smeralda nella fase di cantiere; l’altra per le presunte irregolarità sulla concessione dell’area, che risulta classificata come zona H, di tutela integrale.

“Già in passato abbiamo ricevuto minacce, velate e non - aggiunge il primo cittadino -. Ma questa volta lo denunciamo pubblicamente perché vogliamo che sia ben chiaro a tutti che non ci spaventano questi mezzucci mafiosi. Questa amministrazione continuerà a fare le sue scelte come ha fatto fino a oggi, all’interno del quadro normativo e nel rispetto della legalità”. Ragnedda va all’attacco. “Sul villaggio di Harrods esiste una indagine della procura – conclude il sindaco -. Riteniamo che sia opportuno aspettare che la magistratura chiarisca quella situazione prima di rilasciare una eventuale autorizzazione”.

La società del Qatar, proprietaria della Costa Smeralda e del villaggio di Harrods, ha presentato allo sportello Suap la domanda per installare anche quest’anno le vetrine di cristallo e legno con le boutique a 5 stelle. La pratica al momento è al vaglio del dirigente. Il Comune da giorni porta avanti una discussione per dettare nuove regole sull’utilizzo delle zone H sull’intero territorio di Arzachena e della Costa Smeralda.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes