La Nuova Sardegna

Olbia

AGLIENTU

La minoranza: «Turismo in calo»

La minoranza: «Turismo in calo»

Critiche al sindaco: «La promozione impostata non ha dato frutti»

27 maggio 2014
2 MINUTI DI LETTURA





AGLIENTU. La minoranza di Aglientu, con un comunicato, critica la promozione turistica dell'amminitrazione.

«Siamo rimasti stupiti dalle parole del sindaco sulla stampa e non ci tornano i conti. Abbiamo fatto un'indagine intervistando a campione chi opera nel settore. Tutti hanno dato la stessa risposta: mai come, quest’anno, i numeri sono in netto calo. Vedere turisti a Pasquetta, non ci sembra un indice da prendere in considerazione. La nostra preoccupazione è che quasi tutte le strutture, in bassa stagione, sono dovute rimanere chiuse perché non avevano richieste di pernottamento».Ancora: «Evidentemente, la promozione impostata dal sindaco non ha dato frutti, ma solo spese con inutili fiere che sono un metodo di promozione superato. Per quanto riguarda il rally, tenutosi anche in passato, non è in grado di dare il turbo al paese. E' una sola giornata, un passaggio veloce. Sarebbe meglio mettere il turbo ai lavori di riqualificazione del centro. I commercianti ormai stanno annaspando e con l'estate alle porte forse sarebbe meglio chiudere le attività e andare in ferie». Portale turistico: «Il sindaco, a novembre, agli operatori disse che bisognava agire subito. Così, l'Aglientu Hospitality, associazione che comprende la maggior parte degli operatori turistici, si era proposta di portare avanti il tutto, come veri conoscitori della promozione ma è stata snobbata nonostante promessa di affidamento. Del portale turistico dall’associazione è stata presa solo l’idea. E' inutile presentare un portale a giugno, quando ormai i potenziali clienti hanno già optato per altre destinazioni». Conclusione: «Speriamo che il sindaco convochi il prima possibile un tavolo con gli operatori per soffermarci dettagliatamente su questi temi, non tralasciando lo stato di totale abbandono del litorale. Abbiamo avuto lamentele per la costa e il centro di Rena Majore». (s.d.)

In Primo Piano
Il caso

Siniscola, Giovanni Bomboi dopo gli spari al Consorzio: «Ero esasperato, sono pentito. Non volevo ferire nessuno»

di Sergio Secci
Le nostre iniziative