La Nuova Sardegna

Olbia

la mappatura del sito

Giornata nazionale paesaggio, Santa Teresa la dedica alle cave romane

Giornata nazionale paesaggio, Santa Teresa la dedica alle cave romane

SANTA TERESA. Il Comune dedica la prima edizione della Giornata nazionale del paesaggio, promossa dal Mibact, al progetto di mappatura e valorizzazione delle cave romane di Capo Testa. Realizzato...

16 marzo 2017
2 MINUTI DI LETTURA





SANTA TERESA. Il Comune dedica la prima edizione della Giornata nazionale del paesaggio, promossa dal Mibact, al progetto di mappatura e valorizzazione delle cave romane di Capo Testa. Realizzato dagli alunni del corso geometri dell'istituto "Falcone e Borsellino" di Palau a ottobre dello scorso anno aveva vinto il primo premio del concorso nazionale indetto dal ministero dell'Istruzione, dalla Società italiana di fotogrammetria e topografia (Sifet) e dal Consiglio nazionale dei geometri. L'esperienza formativa è stata presentata al teatro "Nelson Mandela". «Bisogna sfatare i luoghi comuni, spesso si afferma che i ragazzi sono svogliati e disinteressati - dichiara il dirigente scolastico Stefano Palmas, elogiando alunni, docenti e auspicando il proseguo di una fattiva collaborazione col Comune -, questa è la dimostrazione che se opportunamente guidati attraverso una didattica-laboratorio come quella adottata nel nostro istituto, si possono ottenere risultati qualificanti per la formazione professionale degli studenti e per lo sviluppo del territorio». «Abbiamo inserito il progetto tra gli obiettivi di valorizzazione e promozione culturale e turistica - spiega l'assessore al Turismo, Stefania Taras -. Il paesaggio è un bene comune che va oltre i diritti di proprietà, perché tutti ne traggano benefici è necessario proteggerlo da una pressione antropica che potrebbe deteriorarlo. La passerella progettata dagli studenti renderebbe fruibile il sito, unico per importanza nel Mediterraneo, anche ai diversamente abili». Il sistema di passerelle e camminamenti garantirebbe piena accessibilità alle cave, dove al tempo della Roma imperiale veniva estratto e lavorato il granito. L'iniziativa rientra nell'ambito del protocollo d'intesa siglato dall'amministrazione con la scuola, la Sifet e il dipartimento di topografia e fotogrammetria della facoltà di ingegneria di Cagliari. «Il Comune ha aderito con un progetto di valorizzazione delle cave romane di Capo Testa alla manifestazione di interesse promossa dalla Regione per il rilancio del parco geo-minerario della Sardegna - annuncia la Taras -, di cui Santa Teresa fa parte dal 2001, proprio per la presenza dei siti di estrazione del granito». (w.b.)

In Primo Piano
Allarme sicurezza

Sassari, panico a San Donato: nigeriano spara in aria con una pistola

Video

Europeade del folklore, Alessandra Todde: «Nuoro al centro della cultura europea»

Le nostre iniziative