La Nuova Sardegna

Olbia

Suppa cuata e vermentino superstar a Santa Teresa  

di Walkiria Baldinelli
Suppa cuata e vermentino superstar a Santa Teresa  

Al via oggi la tre giorni di enogastronomia “Sapori e sensazioni sulle Bocche” In programma degustazioni di piatti tipici e vini e la mostra mercato artigianale

02 giugno 2017
2 MINUTI DI LETTURA





SANTA TERESA. La suppa cuata, piatto identitario della Gallura, è protagonista di “Sapori e sensazioni sulle Bocche”. Cucinato con ingredienti poveri è un simbolo di festa e di condivisione. Apre oggi i battenti la settima edizione della rassegna di enogastromia, arte e cultura. Appuntamento nella piazza principale del paese. Nel fine settimana La Strada del Vermentino di Gallura Docg e i sommelier del Museo del vino di Berchidda, ogni giorno, dalle 12, guideranno i visitatori lungo il percorso di degustazioni dei vini del territorio. Numerose le iniziative nelle tre giornate della mostra mercato artigianale e dei prodotti tipici. Oggi alle 16.30 all’ufficio turistico, il Flag nord Sardegna sarà protagonista della tavola rotonda Blue economy e dintorni. Un focus in vista dei nuovi bandi di finanziamento regionali ed europei legati al settore ittico, che comprendono anche la formazione professionale. Alle 19, riflettori puntati sul mondo della suppa cuata nell’incontro “Parauli cuati”, moderato dall’antropologo Fiorenzo Caterini: racconti e parole di cucina e cultura degli stazzi. Domani e domenica i bambini dai 7 ai 10 anni potranno cimentarsi alle 16.30 nel laboratorio “Failazuppagiusta”, con il food and beverage manager Giuseppe Fadda. In programma due concorsi aperti a tutti: “Induina li saori cuati”, bisognerà individuare gli ingredienti di tanti zuppe e “La me suppa è la più bona di lu mundu”, una giuria premierà la zuppa cuata più buona. Domenica Giuseppe Fadda proporrà “suppa fusion”, ovvero i nuovi modi di presentare a tavola il piatto identitario. Le giornate si concluderanno con musica e balli. Stasera appuntamento con il gruppo folk di Luogosanto e il cantante Vincenzo Murinu, domani sarà la volta del fisarmonicista Antonello Pirredda, domenica spettacolo alle 19.30 con Pedditzi trasporti, storico gruppo cagliaritano di musica e teatro. La rassegna è organizzata dall’amministrazione di Santa Teresa. Lungo il percorso degli stand sono rappresentati anche diversi comuni dell’entroterra gallurese per illustrare risorse e peculiarità del territorio. L’assessore alla Cultura e al Turismo Stefania Taras spiega la filosofia dell’evento. «È un attrattore importante per i visitatori nel primo fine settimana di giugno – dice – possono conoscere o riscoprire le ricchezze della Gallura, anche attraverso i temi proposti ogni anno che focalizzano l’attenzione su un piatto tipico. Partecipano con le eccellenze del territorio produttori e aziende artigianali e agroalimentari. Santa Teresa attraverso le strategie adottate dalle due Unioni dei comuni, diventa così vetrina del territorio».
In Primo Piano
Allarme sicurezza

Sassari, panico a San Donato: nigeriano spara in aria con una pistola

Video

Europeade del folklore, Alessandra Todde: «Nuoro al centro della cultura europea»

Le nostre iniziative