Aisoni: «Albergo diffuso, faremo la nostra parte»

Il vice sindaco assicura interventi immediati dopo l’ultimatum degli investitori Ma Tempio Libera accusa: «Esecutivo incapace, sono stati persi tanti mesi»

TEMPIO. «L’amministrazione comunale non intende rinunciare alla preziosa e irripetibile opportunità che il gruppo degli investitori privati, guidato da Michele Ragazzi con Adrea Azara e Giovanna Cannas, ha ideato e proposto a Tempio. Il Comune farà la sua parte affinché il progetto vada in porto e decolli il prima possibile». Esordisce così il vice sindaco Anna Paola Aisoni, che ieri, in tarda mattinata, ha firmato una distensiva ma al tempo stesso vincolante risposta dopo le esternazioni degli investitori. Stanchi di non ricevere dall’esecutivo impegni precisi sul decoro urbano, essenziale per avviare concretamente il progetto sul “Turismo a metro cubo zero” con un investimento privato di 20 milioni di euro.

«Fin dal primo incontro - scrive Anna Paola Aisoni -, abbiamo fortemente sposato il progetto e ribadita la volontà di eliminare le criticità evidenziate dagli investitori. Consapevoli anche dell'importanza dell'intervento e delle innumerevoli ricadute positive del progetto, che rappresenterà per Tempio, la svolta per lo sviluppo turistico sempre ambito. Rispettoso della nostra cultura e delle tradizioni, capace di far crescere non solo la città ma anche l'intero territorio e di esaltarne la bellezza. Il progetto merita doveroso rispetto e correttezza da parte dell'amministrazione nel fornire precise e risolutive risposte a quanto richiesto. Nella volontà assoluta del sindaco e della giunta di far decollare il progetto il più velocemente possibile, ci siamo fin da subito adoperati ad analizzare le criticità mostrando la possibile soluzione e i tempi di realizzazione. Il percorso finora compiuto ha visto l'amministrazione impegnata a definire una precisa e dettagliata tabella di marcia delle azioni e interventi mirati a risolvere le criticità evidenziate. Non sarebbe stato serio dare a Tempio una risposta vaga e generica. Siamo abituati a presentarci ai cittadini con impegni che si possono mantenere. Nel mese di settembre - continua Anna Paola Aisoni, che annuncia anche un consiglio comunale dedicato , sarà presentato in maniera ufficiale, alla presenza degli investitori, l'impegno dell'amministrazione ad effettuare gli interventi richiesti nel contesto urbano con la relativa tempistica che sarà definita in relazione all'entità dell'intervento e al coinvolgimento di tutti i cittadini che si devono necessariamente sentirsi protagonisti e attori di questo cambiamento». Annunciati anche incontri pubblici. Pesantissimo invece il giudizio del gruppo consiliare di Tempio Libera che con un comunicato a firma di Monica Liguori, giudica «di una gravità inaudita l’atteggiamento dilatorio dell’esecutivo sulla questione», invitandolo a dimettersi «per non essere stato capace in tanti mesi, di affrontare a viso aperto una tematica così importante, finalizzata al rilancio turistico della città».

WsStaticBoxes WsStaticBoxes