A spasso con un lanciafiamme, scarcerato lo skipper americano

OLBIA. Il gip del tribunale di Tempio ha ordinato la scercerazione di Robert Maxwell Craddok, skipper americano di 30 anni, arrestato una settimana fa dai carabinieri del reparto territoriale di...

OLBIA. Il gip del tribunale di Tempio ha ordinato la scercerazione di Robert Maxwell Craddok, skipper americano di 30 anni, arrestato una settimana fa dai carabinieri del reparto territoriale di Olbia perché andava in giro con un lanciafiamme Tesla in spalla che si era portato dagli Stati Uniti tra i bagagli delle vacanze. Il giudice Andrea Pastori ha accolto l’istanza del difensore di Craddock, l’avvocato Cinzia Tirozzi, che sollecitava la revoca della misura cautelare in carcere. Così ieri lo skipper americano ha lasciato la sua cella a Nuchis. «Da noi non è un’arma da guerra – si era difeso Craddock durante l’interrogatorio – piuttosto un gioco che viene venduto anche ai ragazzini. Pensavo fosse legale anche qui, in Italia». Craddock era arrivato in SardegnaAvrebbe dovuto trascorrere una vacanza in Sardegna con un gruppo di amici con i quali aveva affittato un’imbarcazione. È finito invece in carcere mentre si trovava nella Marina di Olbia, dopo che, in tutta tranquillità, stava salendo col lanciafiamme in spalla su una navetta con destinazione Portisco dove avrebbe dovuto partecipare a una festa: alla vista dell’arma l’autista, spaventato, si è rifiutato di farlo salire, lasciandolo a terra.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes