Arzachena, il presidente Cudoni: «Ho avuto il Covid, sono vivo grazie a ottimi medici»

L'esponente della maggioranza racconta il suo calvario: «Non è una influenza qualsiasi, ho visto le persone morire»

ARZACHENA. Porta la sua esperienza in consiglio comunale, superando la ben nota riservatezza. Il presidente del Consiglio, Rino Cudoni, racconta il ricovero nell’istituto di Malattie infettive di Sassari per Covid.

«Una patologia che mi ha segnato – dice –. Anche io pensavo fosse una malattia ordinaria, un’influenza. Ho vissuto tutto il calvario: la febbre, la Tac che ha evidenziato la polmonite bilaterale interstiziale che allora non sapevo nemmeno cosa fosse, il ricovero, l’ossigeno. Grazie a Dio abbiamo ottimi medici che mi hanno preso in tempo e mi hanno ricondotto alla vita».

Ma in quei giorni ricoverato a Sassari, Cudoni ha visto cosa accade nei reparti Covid. «Ho visto la morte, pazienti che non ce l’hanno fatta. Purtroppo anche qualche nostro concittadino non ce l’ha fatta e mi chiedo se, magari preso in tempo, con una assistenza territoriale in grado di fornire le cure a casa, si sarebbe potuto salvare. E quando ancora sento dire che non si può sacrificare l’economia per una patologia che forse non esiste, che è una invenzione, rispondo no, non è così. La malattia c’è. E lo sanno bene gli operatori sanitari che da oltre un anno la vivono ogni giorno e a cui dobbiamo essere grati». (se.lu.)

 

WsStaticBoxes WsStaticBoxes