Olbia, brutale violenza sulla fidanzata: 62enne a processo

Foto simbolo di violenza sulle donne

La giovane di 25 anni accusa l'uomo di averla costretta a subire umiliazioni, aggressioni fisiche, verbali e pratiche sessuali aberranti

OLBIA. Le accuse contenute nel capo d’imputazione raccontano una storia terribile che rasenta l’incredibile, tanta la brutale violenza che sarebbe stata inflitta a una giovane donna di 25 anni dal suo presunto aguzzino, il suo fidanzato di 62 anni. Costretta a subire umiliazioni, aggressioni fisiche e verbali e pratiche sessuali aberranti da parte dell’uomo che, stando alle accuse, l’avrebbe anche costretta a prostituirsi.

Ieri, 25 novembre,  è stato rinviato a giudizio dal gup del tribunale di Tempio, Claudio Cozzella, insieme ad altri tre uomini che avrebbero, anche loro, abusato sessualmente di lei. Il processo comincerà il 23 marzo. Il 62enne è accusato di maltrattamenti, violenza sessuale, stalking e sfruttamento della prostituzione. Agli altri tre imputati il sostituto procuratore Ilaria Corbelli, titolare del fascicolo, contesta la violenza sessuale.

Il servizio completo sul giornale in edicola e nella versione digitale

WsStaticBoxes WsStaticBoxes