La Nuova Sardegna

Olbia

Sport e scuole

Olbia, ritorna la Remata della gioventù: in acqua cento studenti di sette istituti superiori


	Una foto di archivio con una squadra della Remata della gioventù timonata da Paolo Mura 
Una foto di archivio con una squadra della Remata della gioventù timonata da Paolo Mura 

L’8 maggio la prima gara dell’iniziativa sportiva organizzata dalla Lega navale

02 maggio 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Olbia Sono pronti ad affondare i remi in acqua e a schiaffeggiare le onde con tecnica e potenza per difendere il nome dell’istituto di appartenenza. Gli studenti delle scuole superiori di Olbia, Tempio e Siniscola rinnovano la tradizione della Remata della gioventù, la competizione remiera arrivata alla dodicesima edizione e firmata dalla sezione olbiese della Lega navale.

I ragazzi del Liceo Giovanni Maria Dettori di Tempio accompagnati dal docente Tino Ara; quelli del liceo classico Antonio Gramsci di Olbia con Lisa Perdomi; il liceo artistico Fabrizio De Andrè con la referente Elisabetta Mura; il liceo scientifico Lorenzo Mossa con Anna De Falco; l’Istituto di istruzione superiore Amsicora seguito da Carlo Bruno; l’istituto tecnico commerciale Attilio Deffenu accompagnato da Giovanna Masu e l’istituto Michelangelo Pira di Siniscola con Silvia Trentin sono pronti a sfidarsi nella sana competizione marinaresca nata come progetto contro la dispersione scolastica.

I protagonisti saranno un centinaio di alunni che dall’inizio dell’anno, grazie all’infaticabile disponibilità dei docenti e dei timonieri della Lega, seguono gli allenamenti nella sede della Lega Navale. Per molti di loro è un appuntamento che si ripete, per altri imparare a remare a bordo dei palischermi di legno è una novità. Insieme hanno imparato a essere squadra, a sostenersi e a divertirsi. Lunedì 8 maggio lo spazio di mare davanti alla Lega navale, in viale Isola Bianca, ospiterà la prima delle due gare della Remata della Gioventù edizione 2023.

Dopo il briefing delle 10 e l’estrazione delle squadre per l’ordine di partenza, al via la competizione: un percorso a bastone, di 240 metri circa, in cui l’avversario sarà il tempo. La prova a cronometro permetterà di stilare la classifica che, oltre ad assegnare le targhe premio agli armi saliti sul podio, determinerà le teste di serie per la finale di giugno. L’istituto Pira di Siniscola è il campione in carica e venderà cara la pelle pur di conservare il trofeo che con orgoglio conserva in bella mostra nella scuola.

«Siamo davvero felici di vedere l’entusiasmo e la determinazione di questi ragazzi che – commenta il presidente della Lega navale Tore Bassu –, oltre a impegnarsi nello studio, si dedicano a questa attività. Un plauso va poi ai docenti che li seguono negli allenamenti e per chi arriva dai comuni dirimpettai, come Tempio e Siniscola, aggiunge l’ulteriore sacrificio del viaggio. La nostra sede non è ancora ultimata, abbiamo ancora un mese di lavori, ma non faremo mancare la festa del dopo gara ai ragazzi nel nostro giardino».

La voce della Remata della gioventù sarà ancora una volta quella dello speaker Tommy Rossi.

In Primo Piano
Tribunale

Uccise i suoceri a Porto Torres, il pm chiede l’ergastolo per Fulvio Baule: «Ha agito con crudeltà»

di Nadia Cossu
Le nostre iniziative