La Nuova Sardegna

Olbia

I ragazzi scomparsi

Il sindaco di Olbia: «L’amministrazione è vicina alle famiglie di Giuseppe e Karol»

Settimo Nizzi interviene sulla scomparsa dei due minorenni: «Collaboriamo alla gestione del caso»

30 gennaio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Olbia Continuano le ricerche di Giuseppe Contini e Karol Canu, i due ragazzi di 15 e 17 anni, scomparsi  ormai da sei giorni. Sono state numerose finora le segnalazioni sul possibile avvistamento dei due amici  arrivate al commissariato di Olbia, ai carabinieri e alla polizia locale, tutte finora senza esito positivo. La macchina delle ricerche e degli accertamenti si muove sotto il coordinamento della Prefettura.

«L’amministrazione comunale c’è ed è vicina alle famiglie di Giuseppe e Karol perché sta collaborando con tutti coloro i quali hanno titolarità per la gestione del caso – interviene il sindaco Settimo Nizzi – Facciamo tutto quanto è necessario per contribuire concretamente, e non dare disturbo alle indagini in corso. Noi ci siamo, i nostri servizi sociali ci sono. La nostra polizia locale e la protezione civile sono già a disposizione della Prefettura che sta coordinando le ricerche, pronta a fare ciò che gli viene chiesto», spiega ancora il primo cittadino di Olbia.

Che si rivolge, infine, agli amici dei due ragazzi scomparsi: «Sarebbe utile che gli amici di Giuseppe e Karol cercassero di dare il loro contributo parlando, dicendo ciò che sanno se sanno qualcosa, ma anche rivolgendo loro stessi un appello affinché ritornino a casa. Perché tutta la città è in apprensione».

Dei due ragazzi si sono perse le tracce la sera del 25 gennaio. Sono stati visti insieme nella zona del Fausto Noce, poi in via Acquedotto e, infine, in un bar di via Roma. Poi, più nulla. Da allora i cellulari dei due ragazzi sono spenti. I loro genitori hanno lanciato finora innumerevoli appelli affinché chi sa qualcosa, parli. Il caso sarà trattato nella trasmissione “Chi l’ha visto” in onda questa sera su Rai 3. (t.s.)

La rabbia degli agricoltori

Il movimento dei trattori blocca il porto di Cagliari: «Basta con le prese in giro»

di Andrea Sini
Le nostre iniziative