La Nuova Sardegna

Olbia

Longevità

A Olbia avanza “quota 100”: tredici centenari in città

A Olbia avanza “quota 100”: tredici centenari in città

Le donne sono in maggioranza e una ha quasi 106 anni. Tre gli uomini. Ieri la festa per il traguardo di Vincenzina Nioi e Antonio Loi

05 febbraio 2024
4 MINUTI DI LETTURA





Olbia Nella città che va a 30 all’ora c’è una super “Quota 100”. Ben tredici centenari, con le donne in maggioranza: dieci contro tre. E la più longeva compirà il prossimo 14 aprile 106 anni. In sei (tre uomini e tre donne) taglieranno il traguardo dei 101 anni nel 2024 e un sestetto tutto al femminile sempre quest’anno raggiungerà il secolo di vita. Ieri il grande brindisi nella casa di Vincenzina Nioi nata a Elmas il 5 febbraio 1924 e in quella di Antonio Loi, nato a Orosei il 5 febbraio 1923. Lui ha compiuto 101 anni ma lo scorso anno, proprio il giorno del suo compleanno, non stava tanto bene e così si è deciso di festeggiare il giro di boa.

A entrambi il sindaco Settimo Nizzi ha consegnato una pergamena. Vincenzina Nioi, quando era ragazza, lavorava all’aeroporto di Elmas per la ditta Caproni e si occupava di “rammendare” gli aerei che venivano colpiti durante la seconda guerra mondiale e che avevano la tela nella fusioliera e negli alettoni: si utilizzavano aghi da 30 e 20 centimetri, spago e colla. Erano una quindicina di ragazze ben pagate, impegnate dal mattino presto per 10 ore al giorno. Vincenzina conobbe il marito a 13 anni e sette anni dopo lo sposò. Poi lui andò in guerra. Al suo rientro, hanno lavorato entrambi per don Filippo Asquer sino a quando il marito è entrato nelle ferrovie. Dopo 11 traslochi tutti in Sardegna, la coppia arrivò a Olbia nel 1966. E qui, Vincenzina, fu la prima ad aprire l’edicola nella stazione (1971). Ha avuto quattro figli: Marisa, Maria Rosaria, Efisio e Tonio (mancato nel 2003). Sei i nipoti: Matteo, Francesca, Monica, Roberta, Luca e Andrea (che è mancato). Lucida e autosufficiente, vive nella stessa palazzina dove abitano anche i figli.

Antonio Loi ha sempre fatto il muratore. È stato 12 anni in Francia e nel 1968 si è trasferito a Olbia, dove c’era già una sorella della moglie. Piano piano, mentre erano in affitto, si è costruito la casa, quella in cui vive ancora oggi. Antonio e la moglie cercavano un maschietto ma alla fine sono arrivate 4 figlie: Daniela, Angela, Lucia e Patrizia (mancata nel 2020). Due le nipoti: Sara di 28 anni e Valeria di 26. Rimasto vedono nel 1981, non si è più risposato per non ferire le figlie. «È stato un padre buono - dicono - ma anche severo, soprattutto per quanto riguardava la scuola. E ha fatto grandi grafici per crescerci ed educarci». Anche lui abita da solo, è stata una sua scelta. Le figlie volevano alternarsi ma papà Antonio ha sempre detto che non è necessario: “Se il Signore mi chiama, mi chiama anche se ci siete voi”.

In questo 2024 appena cominciato, a Olbia hanno già spento 100 candeline in tre: Aurelia Framigheddu (nata a Tempio il 16 gennaio 1924), Mariangela Dalu (nata a Orosei 25 gennaio 1924) e, appunto, Vincenzina Nioi. Francesca Gagliardi, originaria di Trani, arriverà al secolo di vita il 28 aprile, poi toccherà ad Agnesa Bardanzellu (nata a Terranova Pausania il 3 settembre 1924) e a Maria Piredda, originaria di Narcao (è nata il 25 novembre 1924). Ha già compiuto 101 anni, oltre Antonio Loi, anche Caterina Paggiolu (nata a Tempio il 3 gennaio 1923). Poi sarà festa per Gavina Nieddu (nata a Nuchis il 31 luglio 1923), Antonietta Ciappeddu (nata a Sassari il 23 settembre 1923), Pietro Sasu (nato a Luogosanto il 5 novembre 1923) e Marcellino Giuseppe (nato a Oschiri il 10 novembre 1923). La nonnina più longeva di Olbia è Tomasina Ruiu, originaria di Calangianus, vicina a toccare il traguardo dei 106 anni.

Ma sono stati diversi i centenari che hanno fatto festa in questi giorni in diversi angoli della Gallura. Il primo febbraio, a Santa Teresa, Tomasina Casula ha compiuto 100 anni ed è stata festeggiata da figli, nipoti e amministratori comunali. Gli auguri di Tempio sono invece andati alla neo centenaria Eleonora Frau mentre a Luogosanto è arrivata al primo compleanno a tre cifre Giovanna Maria Pisciottu, nota Mariuccia. (s.p.)

Elezioni regionali 2024
Il voto

Elezioni regionali, i dati sull’affluenza alle 19: 44,1 per cento

Le nostre iniziative