La Nuova Sardegna

Olbia

Cultura

Arzachena aderisce per la prima volta a Monumenti aperti

Il fungo di granito simbolo di Arzachena
Il fungo di granito simbolo di Arzachena

Sabato 11 e domenica 12 maggio le visite guidate dagli studenti alla roccia del Fungo, al museo Ruzittu e alla necropoli Li Muri

06 maggio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Arzachena. Il Comune di Arzachena entra nel calendario della 28esima edizione di Monumenti Aperti. In programma visite guidate gratuite alla roccia monumentale Il Fungo, simbolo della città, al museo civico Michele Ruzittu e alla necropoli Li Muri, insieme agli studenti degli Istituti comprensivi 1 e 2 di Arzachena. L’evento si svolgerà il prossimo fine settimana, sabato 11 e domenica 12 maggio, ed è promosso dalla delegata alla Cultura, Valentina Geromino, con la collaborazione dell’associazione Aquilegia e della società municipalizzata Geseco surl.

«Quest’anno, per la prima volta, il Comune di Arzachena aderisce al circuito di Monumenti Aperti – spiega Valentina Geromino –. Una manifestazione culturale su larga scala che ci consente di mettere ulteriormente in luce alcuni siti di interesse del nostro territorio con il coinvolgimento di giovani ragazzi e ragazze nel ruolo di “Cicerone”. In particolare, per questa edizione, si è scelto di promuovere tre importanti luoghi della cultura arzachenese: il geosito Il Fungo in quanto elemento ricco di storia e caratteristico del nostro paesaggio, la necropoli di Li Muri come monumento prenuragico già inserito nella Tentative List Unesco nell’ambito dell’iniziativa curata dal Cesim dal titolo “Arte e architettura nella Preistoria della Sardegna” e il museo civico Michele Ruzittu, dove sono esposti circa 200 reperti archeologici nell’ambito della mostra dal titolo Il tempo ritrovato». Il museo Ruzittu in via Mozart sarà visitabile con la guida dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19, la necropoli Li Muri dalle 10 alle 18, la roccia Il Fungo dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19. Per maggiori informazioni visitare il sito sito www.monumentiaperti.com.

In Primo Piano
Il dossier

Top 1000, un’isola che si batte e cresce nonostante tutto

di Giovanni Bua
Le nostre iniziative