La Nuova Sardegna

Oristano

SAMUGHEO

Il Consiglio comunale decide: non si dovrà pagare la Tasi

SAMUGHEO. I contribuenti di Samugheo non pagheranno la Tasi. Consiglio comunale dixit. L’assemblea ha approvato all’unanimità la proposta di azzerare il tributo sui servizi indivisibili che avrebbe...

27 maggio 2014
2 MINUTI DI LETTURA





SAMUGHEO. I contribuenti di Samugheo non pagheranno la Tasi. Consiglio comunale dixit. L’assemblea ha approvato all’unanimità la proposta di azzerare il tributo sui servizi indivisibili che avrebbe convogliato nelle casse comunali un gettito tra i 160mila e i 350mila euro. Il provvedimento è stato deliberato venerdì al termine di un dibattito non privo di frizioni sebbene le forze consiliari avessero convenuto sull’opportunità di alleggerire il carico fiscale ai cittadini. Il sindaco ha spiegato il perché fosse maturata la scelta di rinunciare a un’entrata rilevante malgrado la riduzione del fondo unico e il taglio di 560mila euro ai trasferimenti statali. Partendo dalla congiuntura economica, e dall’incapacità dei governi di arginare la crisi, Antonello Demelas ha chiarito di voler «Lanciare un segnale allo Stato, perché finora l’unica cosa che ha fatto per alleviare la situazione è di aumentare la pressione fiscale sui contribuenti trasformando i Comuni in esattori». Il rovescio della medaglia sarà la copertura finanziaria per gli interventi di manutenzione delle strade, della rete dell’illuminazione urbana e degli edifici pubblici. L’unico aspetto cui la minoranza ha condizionato il voto favorevole. «Non applicando la Tasi non rinunciamo ai servizi – ha puntualizzato Demelas rispondendo alle domande di Tommaso Frongia –. Faremo ciò che potremo con le risorse disponibili ma servirà anche la collaborazione dei cittadini per sistemare una buca, i sentieri di campagna, o per curare il verde pubblico». L’opposizione non ha avuto dubbi sull’esenzione della tassa, ma ha contestato il metodo. «Era questa la sede per decidere, bastava una delibera del consiglio comunale» ha eccepito Mario Loi.

Maria Antonietta Cossu

In Primo Piano
Macomer

Accoltellò un ragazzo per una sigaretta. Pace tra i genitori: «Lo perdoniamo»

di Alessandro Mele
Le nostre iniziative