La Nuova Sardegna

Oristano

Mense scolastiche, tariffe invariate Al via corsi del gusto

di Elia Sanna
Mense scolastiche, tariffe invariate Al via corsi del gusto

Il Comune garantisce il servizio, previste 5 fasce di reddito Arrivano anche lezioni finalizzate a una sana alimentazione

31 maggio 2014
2 MINUTI DI LETTURA





ORISTANO. Rimarranno invariate anche per il prossimo anno scolastico le tariffe delle mense scolastiche nelle scuole dell'infanzia, di primo e secondo grado, gestite dal Comune di Oristano. Le domande, i cui moduli sono già disponibili in rete, dovranno essere presentate entro il prossimo 10 luglio. L'iter burocratico per attivare la mensa scolastico è stato predisposto anche quest'anno con largo anticipo per permettere ai genitori e alle famiglie di poter assicurarsi per tempo questo importante servizio.

Nonostante le difficoltà finanziarie che stanno affrontando tutti i comuni, Oristano – come ha confermato l'assessore alla Pubblica istruzione Maria Obinu – anche quest'anno è riuscita a garantire il servizio. Rimangono immutate, come detto le tariffe mensili a carico delle famiglie, mentre la novità riguarderà in particolare l'attivazione di appositi corsi legati alla alimentazione dei bambini.

«Il progetto era previsto nel bando della gara d'appalto – ha precisato l'assessore Obinu –. La società Sodexo, aggiudicataria del servizio predisporrà degli appositi corsi del gusto, finalizzati ad una adeguata e sana alimentazione, destinati proprio ai bambini. Prenderanno il via già dalla prossima settimana – ha osservato l'assessore – a partire da via Campania per proseguire successivamente nella scuola materna di via Lanusei. I corsi verranno sospesi per il periodo estivo e riprenderanno con l'inizio del prossimo anno scolastico. L'aspetto decisamente più importante – ha concluso Maria Obinu – è che nonostante le ristrettezze del bilancio siamo riusciti a mantenere inalterate le tariffe venendo certamente incontro alle difficoltà economiche che stanno affrontando le famiglie». Avranno diritto all'esenzione le famiglie con un reddito sino a 5mila euro, mentre chi denuncerà un reddito superiore ai 5mila e con un massimo di 18mila euro, pagherà un contributo compreso tra 1,50 e 2 euro.

Sono previste altre tre fasce contributive con redditi tra i 24mila e i 28 milaeuro. In questi casi il costo a pasto varierà dai 2 ai 2,50 euro con eventuali riduzioni per il secondo figlio. Chi supererà il reddito di 28mila euro pagherà per un pasto 4,11 euro, costo aggiornato in base agli indici dell'Istat. Maggiori dettagli sono consultabili nel sito del comune: www.comune.or.it.

In Primo Piano
Il caso

Siniscola, Giovanni Bomboi dopo gli spari al Consorzio: «Ero esasperato, sono pentito. Non volevo ferire nessuno»

di Sergio Secci
Le nostre iniziative