Inferno di fuoco blocca i treni a San Gavino, isola divisa in due

Incendi fino a Marrubiu. Gli scout del campo di Zuradili rientrati nella notte a Oristano. Dal primo mattino ferrovia paralizzata nel tratto San Gavino-Oristano.  Da Arbus a Sibiri devastati boschi di lecci e pini, ecatombe di animali. Fiamme fino a Torregrande

ORISTANO. Il traffico ferroviario è interroto dalle 5.30 di stamane nel tratto San Gavino-Oristano per un vasto incendio scoppiato nella zona, fra Oristano e Sant’Anna.

Trenitalia ha dovuto mettere a disposizione autobus sostitutivi per garantire il servizio, ma i mezzi sono costretti a viaggiare sulle strade provinciali, in quanto in vari momenti è stata bloccata anche la statale 131.

I treni diretti a Sassari si fermano all’altezza di Oristano, quelli con destinazione Cagliari sono fermi alla stazione di Marrubiu. Sul posto stanno operando tecnici di Trenitalia e vigili del fuoco per ripristinare al più presto la linea ferroviaria.

Le fiamme sono partite durante la notte dopo le 2 dalla zona di is Bangius e si sono spinte in direzione della borgata di Sant'Anna a Marrubiu minacciando le case coloniche. Oltre a varie abitazioni è stato evacuato anche il campo scout di Zuradili, ai piedi del Monte Arci. I boy scout di Oristano sono rientrati durante la notte in città. È scattato anche il blocco della Statale 131 Carlo Felice, che collega Cagliari con Sassari, rimasta chiusa al traffico sino a poco prima delle 8. Il traffico è stato dirottato su percorsi alternativi.

Anche Trenitalia è stata costretta, dalle 5.30, a bloccare i treni nelle stazioni di Oristano e di Marrubiu predisponendo corse con pullman su strade limitrofe essendo la statale 131 bloccata. Sulle fiamme hanno operato Vigili del Fuoco, uomini del Corpo Forestale, della Protezione civile e mezzi aerei.

Oltre a quello di Marrubiu un altro grosso incendio ha interessato anche un canneto e minacciato la pineta lungo la strada che collega la borgata marina al bivio per Cabras e San Giovanni di Sinis, sempre nell'oristanese. Gli elicotteri hanno operato dalle 4 e mezzo del mattino sino all'alba per impedire che il fuoco aggredisse la pineta che separa il canneto dalle abitazioni e il rogo è stato domato dopo le 8

WsStaticBoxes WsStaticBoxes