La Nuova Sardegna

Oristano

Progetto Eleonora, il tempo delle scelte

di Roberto Petretto
Progetto Eleonora, il tempo delle scelte

Oggi a Cagliari l’ultima tappa prima del pronunciamento del Savi. E il Comitato del No protesta davanti alla Regione

29 luglio 2014
3 MINUTI DI LETTURA





ORISTANO. Ormai la battaglia sul Progetto Eleonora è uscita dai confini di Arborea e sta diventando motivo di mobilitazione per tutta la provincia e per parte dell’isola. Oggi a Cagliari è in programma la conferenza di servizi indetta dalla Regione sul progetto presentato dalla Saras che prevede la realizzazione di un pozzo esplorativo nelle campagne di Arborea alla ricerca di gas naturale. Contemporaneamente, di fronte agli uffici dell’assessorato regionale all’Ambiente, si svolgerà il sit in organizzato dal comitato No al Progetto Eleonora.

«Alla manifestazione – ricordano gli organizzatori – hanno aderito anche le associazioni Coldiretti e Confagricoltura, oltre agli enti locali che saranno presenti in sede di conferenza dei servizi per ribadire la contrarietà al progetto di Saras Spa: il Comune di Arborea e la Provincia di Oristano».

L'inizio del sit-in è previsto per le 9.30. La Conferenza di servizi sul progetto rappresenta l'ultimo atto formale prima della formulazione del parere tecnico del Savi, il Servizio della sostenibilità ambientale, valutazione impatti e sistemi informativi ambientali, che verrà poi sottoposto alla Giunta regionale che dovrà esprimere il giudizio finale.

«Faremo tutto nell'assoluto rispetto del territorio e solo ed esclusivamente dopo aver attentamente valutato quello che può comportare un intervento del genere – ha dichiarato ieri l’assessore regionale dell'Ambiente, Donatella Spano –. Non vogliamo di certo mettere a repentaglio il nostro territorio e anzi siamo molto contenti che ci sia tanta attenzione per salvaguardarlo - dice Spano - Le nostre strutture stanno facendo tutte le valutazioni del caso e le terremo attentamente in considerazione prima di prendere qualunque decisione. La questione ambientale è una priorità di questa giunta, così come lo è salvaguardare tutte le attività produttive sarde

«Il Progetto Eleonora vive uno degli ultimi atti che porteranno alla sua definitiva conclusione» si legge in una nota della Coldiretti Sardegna che oggi parteciperà, con una propria delegazione, alla manifestazione organizzata dal «Comitato No al Progetto Eleonora.

«Le attività di ricerca del gas nel territorio di Arborea sono sempre al centro degli interessi della Coldiretti – prosegue la nota –. Il Progetto Eleonora rischia di compromettere seriamente l'economia locale. Coldiretti ha espresso la sua assoluta contrarietà al progetto e ha intrapreso tutte le azioni tese a rivendicare il fatto che un'agroalimentare di eccellenza come quello praticato nei territori interessati, non è compatibile con progettualità che snaturino l'attuale vocazione economica».

Un no netto arriva anche dagli indipendentisti di ProgReS Progetu Repùblica parteciperà che, ugualmente, parteciperanno al sit-in.

«È passato poco più di un anno quando ad Arborea nel confronto pubblico con la Saras  previsto dal Savi per portare le osservazioni al progetto, la comunità si ritrovò unita insieme alle donne, agli uomini e ai bambini provenienti da ogni parte della Sardegna per dire no ai progetti calati dall'alto, per dire no allo sfruttamento indiscriminato del territorio e alla rapina delle nostre risorse. Noi di ProgReS c'eravamo – spiega il movimento politico in un comunicato –, lo abbiamo fatto perché non potevamo non reagire davanti a quello che andava delineandosi come un vero e proprio assalto ai nostri beni collettivi: solare, eolico, geotermico, metano, petrolio».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Elezioni regionali 2024
Dopo il voto

Elezioni regionali, il centrodestra ancora spera nel ribaltone

Le nostre iniziative