La Nuova Sardegna

Oristano

CABRAS

I giacinti d’acqua nel rio Tanui, paura per lo stagno

I giacinti d’acqua nel rio Tanui, paura per lo stagno

CABRAS. Puntuali come gli orologi svizzeri. Da qualche anno, i ritmi dell’estate sono cadenzati dal germoglio e dalla fioritura di uno degli ospiti più indesiderati degli ultimi tempi. I giacinti d’a...

31 luglio 2014
2 MINUTI DI LETTURA





CABRAS. Puntuali come gli orologi svizzeri. Da qualche anno, i ritmi dell’estate sono cadenzati dal germoglio e dalla fioritura di uno degli ospiti più indesiderati degli ultimi tempi. I giacinti d’acqua, questa volta, sono arrivati nelle acque del rio Tanui e puntano dritti verso lo stagno di Cabras. Dopo essere stati il casus belli tra il Comune di Riola Sardo e i pescatori del Consorzio Pontis, arrivati ai ferri corti per via della gestione delle piantine galleggianti che ostruivano il rio Mar’ e Foghe, i giacinti sono pronti ad “attaccare” lo stagno da un’altra posizione. L’infestazione nel canale adduttore è molto meno evidente di quella registrata lungo il corso del Mar’e Foghe ma anche il Rio Tanui sembra destinato a trasformarsi in una distesa verde che potrebbe impensierire amministratori e pescatori di Cabras, chiamati a gestire una situazione che potrebbe trasformarsi in emergenza nel giro di pochi giorni. I rischi sono gli stessi sottolineati nel corso degli anni che hanno raccontato la singolare invasione delle piante nel canale che sfiora Riola, Nurachi, Baratili, Zeddiani e Tramatza. Cabras ne è rimasta alla larga, eccezion fatta per lo stagno, ma ormai i giacinti hanno colonizzato il corso del rio Tanui e dovranno essere raccolti in qualche modo per evitare che si ripeta il “travaso” nello stagno com’era avvenuto per quelli che galleggiavano sull’acqua del rio Mar’e Foghe,.

Claudio Zoccheddu

Elezioni regionali 2024
Il voto

Elezioni regionali, i dati sull’affluenza alle 12: 18,4 per cento

Le nostre iniziative