Il parà di Cabras: dal dramma dell'Afghanistan alla gioia degli Invictus games

Simone Careddu

Simone Careddu rimase ferito in un attentato e perse l'uso delle gambe: ora è diventato un ironman che pratica basket, nuoto e handbike

CABRAS. Nel 2009 Simone Careddu, giovane maresciallo della Folgore,  rimase ferito in un attentato in Afghanistan. Le lesioni alla spina dorsale lo privarono dell’uso delle gambe. Sette anni dopo eccolo a competere a livello mondiale agli Invictus games, competizione di livello mondiale disputata a Orlando, in Florida.

La nuova vita del maresciallo della Folgore, nativo di Cabras, non è meno avara di soddisfazioni. Una famiglia, un figlio, il lavoro quotidiano in caserma a Verona. E lo sport: in Florida Careddu ha gareggiato nel basket e nel nuoto, ma soprattutto nella handbike, la sua disciplina preferita. Non sono arrivate medaglie, ma è l’inizio di una strada. Magari col sogno delle Olimpiadi.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes