Prelievi, analisi e screening in una tenda speciale

Donata da due aziende all’ospedale San Martino dove riprendono i servizi di laboratorio

ORISTANO. Crescono le misure di prevenzione sanitaria. È stata montata nel piazzale adiacente all’ingresso posteriore dell’ospedale San Martino una tenda nella quale sarà allestita la sala prelievi da campo, con lo scopo di ripristinare l’attività del Laboratorio analisi non urgente su prenotazione, e di farlo in condizioni di sicurezza, evitando che gli utenti entrino in ospedale.

La tensostruttura sarà utilizzata anche per avviare il progetto di screening su tutto il personale sanitario, sia ospedaliero che territoriale, grazie al quale potranno essere rilevate eventuali positività al Covid-19.

Ad aver messo a disposizione e montato la tenda sono state le società Agricola Campidanese e L’orto di Eleonora. Intanto sono arrivati nuovi termometri a raggi infrarossi che permetteranno, a partire dai prossimi giorni, di presidiare gli ingressi di ospedali e poliambulatori ed effettuare qui un ulteriore filtro – attualmente i termoscanner sono utilizzati all’ingresso dei singoli reparti ospedalieri – su tutti i pazienti, dipendenti e visitatori che quotidianamente si recano nelle strutture sanitarie: i soggetti a cui sarà rilevata una temperatura corporea superiore ai 37,5 gradi saranno rimandati a casa e sarà compilata una scheda a loro carico, che verrà inviata al medico di medicina generale.

Contemporaneamente l’Ordine dei medici ha scelto un modo alternativo per essere d’aiuto e spiegare alle persone il corretto modo di indossare la mascherina di protezione. L’Ordine dei medici ha predisposto una locandina che è stata affissa in tutti i luoghi aperti al pubblico. L’obiettivo è quello di raggiungere e informare quante più persone possibili, per questo il manifesto sarà distribuito alla popolazione attraverso le edicole della provincia. Lo slogan è “La collaborazione di tutti ci aiuterà a proteggervi e a proteggerci”.

Piero Marongiu

WsStaticBoxes WsStaticBoxes