Parcheggi e strisce blu novità dal nuovo appalto

In programma miglioramenti per gli utenti, facilità di pagamenti e ulteriori stalli Non è detto che rimanga il tagliando di cortesia. Incassi maggiori per il Comune

ORISTANO. Il contestato, almeno dai sindacati, nuovo appalto dei parcheggi porterà sicuramente sul piano tecnico diverse migliorie rispetto ai precedenti servizi. Una grossa attenzione è dedicata al digitale. La possibilità di effettuare il pagamento del parcheggio tramite app, infatti, assegnerà 10 punti alle imprese che non prevederanno commissioni aggiuntive, le quali al massimo potranno arrivare a 50 centesimi per pagamento.

Non solo, attraverso la app gli utenti potranno essere aggiornati in tempo reale sulla disponibilità degli stalli a pagamento e, soprattutto, potranno verificare il tempo rimanente prima della scadenza.

Dieci punti andranno alle ditte che utilizzeranno carta riciclata certificata per l'emissione cartacea dei tagliandi, mentre un'altra grossa novità è rappresentata dall'obbligo per la ditta vincitrice di rifare anche le strisce bianche nelle strade in cui sono presenti parcheggi a pagamento.

Non compare nel disciplinare alcun riferimento diretto al tagliando di cortesia, vero e proprio tormentone negli ultimi anni per quel che riguarda le strisce blu, ma probabilmente se ne troverà traccia nel capitolato d'appalto che ancora non è stato reso pubblico.

Dal punto di vista economico, la stima dell'importo totale è più alta rispetto al precedente appalto, dato che sono inseriti anche i trecento strategici stalli del parcheggio a due piani di via Mariano, ormai quasi concluso: 4 milioni e mezzo, che diventano 5,5 con l'iva. Di questa somma, almeno il 9,76 per cento finirà nelle casse del Comune, per un totale in cinque anni di poco meno di 450 mila euro.

A luglio era stata bocciata dalla maggioranza la proposta dell'opposizione, primo firmatario l'indipendente Francesco Federico, appoggiata anche dall'ex Forza Italia Antonio Iatalese, di affidare la gestione delle strisce blu alla Oristano Servizi, società in house del Comune, con lo scopo di salvaguardare i posti di lavoro.

Troppi i dubbi da parte dell'amministrazione sulla reale capacità della società di gestire un nuovo ramo d'impresa come i parcheggi, e soprattutto dubbi sulla possibilità per la società partecipata comunale di prendersi in carico, sia pur in maniera indiretta ulteriori lavoratori. Per questo motivo, anche con il supporto dell’ufficio legale, la giunta ha scelto la più sicura strada dell’appalto.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes

Necrologie

WsStaticBoxes