Murale d’autore non autorizzato a Cabras, indagato l’artista Ericailcane

CABRAS. Chissà se mai avrebbe pensato che quei gatti che remano sui fassonis, le barchette di falasco usate dai pescatori negli stagni, avrebbero dovuto prendere la rotta della procura. Per l’artista di fama internazionale Ericalilcane, in realtà la prima doccia fredda era arrivata già quando l’opera era in via di ultimazione. L’artista bellunese, che da tre anni ha scelto Cabras come sua residenza, si era visto costretto prima a fermarsi e poi a cancellare quasi interamente il dipinto per cui aveva messo in moto il suo genio creativo. È così che la facciata di una casa in via Garibaldi era stata dapprima il luogo in cui far emergere l’estro dell’artista, poi quello da cui far scaturire tutto il disappunto, tanto che Ericailcane aveva lasciato su quella parete un messaggio di grande rammarico: «Ci è stato impedito di terminare questo dipinto, regalo che avremmo voluto fare a Cabras e ai suoi abitanti. La causa è la solerzia eccessiva della polizia municipale e la negligenza delle istituzioni comunali. Se desiderate che questo tipo di iniziative proliferino, c’è bisogno del sostegno di tutti». La vicenda aveva poi avuto una prima coda di tipo burocratico con il tentativo di ricomporre la situazione e sembrava che si potesse arrivare a una soluzione. È ancora possibile che tutto si possa chiudere senza ulteriori problemi, ma per il momento Ericailcane si ritrova con in mano un foglio di carta che mai avrebbe voluto ricevere: è un avviso di garanzia e il motivo per cui è indagato è quello di aver agito senza l’autorizzazione paesaggistica, un reato di natura urbanistica che mai gli era stato contestato prima e altrove, nonostante i suoi murales abbelliscano facciate in mezzo mondo. L’atto gli è stato notificato in seguito alla convocazione, su mandato della procura, nel comando della polizia locale di Cabras. Assistito dagli avvocati Paolo Firinu e Andrea Martinelli, l’artista si è avvalso della facoltà di non rispondere, per cui non c’è stato modo di approfondire la vicenda. Tutto questo perché, probabilmente, la difesa non ha ancora avuto il tempo necessario per esaminare a fondo gli atti e la giurisprudenza, visto che la convocazione è avvenuta a ridosso della data fissata per l’interrogatorio. Nel frattempo i gatti di via Garibaldi hanno lasciato i loro fassonis da tempo. Cancellato, a differenza dell’amarezza che ancora non se va. (e.carta)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes