Bonus per le imprese in difficoltà

Stanziati 56mila euro per alleviare gli effetti della crisi

SEDILO. Il Comune ha varato un pacchetto di interventi da 56mila euro per dare una prima iniezione vitale alle imprese danneggiate dalle restrizioni. Secondo i dati in mano all’amministrazione sono circa ottanta i titolari di partite Iva esposti agli effetti della crisi, che ha imposto prolungate chiusure delle attività o gravi limitazioni. Le misure di sostegno saranno assegnate sotto forma di contributo una tantum a fondo perduto tramite un bando pubblico in scadenza il 23 dicembre.

Il bonus imprese potrà essere richiesto da ditte individuali, imprese artigiane e società iscritte alla Camera di commercio e dai professionisti titolari di partita Iva che hanno sospeso o ridotto notevolmente produzioni, lavorazioni, vendite e attività professionale per effetto dei vari decreti. Dal bonus sono escluse le imprese agricole. Gli operatori che tra marzo e novembre hanno subito uno stop per almeno trenta giorni anche non continuativi, o che abbiano dovuto sospendere il lavoro a causa di quarantena o isolamento fiduciario, percepiranno tra i 500 e i 1.000 euro.

Rientrano tra i beneficiari anche i soggetti che pur non essendo stati colpiti dai decreti abbiano subito danni economici dai provvedimenti restrittivi statali, regionali o comunali. Per loro il bonus imprese andrà da 200 a 500 euro. La misura di sostegno, coperta con fondi del bilancio comunale e con risorse dell’Unione del Guilcier, che su proposta dei sindaci ha destinato 200mila euro dell’avanzo amministrativo alla gestione dell’emergenza nel territorio, è cumulabile con gli aiuti statali e regionali. (mac)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes