Le piogge erodono la terra, nuova frana lungo la 131 dcn

SEDILO. Fanno paura gli smottamenti che si stanno verificando lungo la 131 dcn al chilometro 12,5 nel territorio di Sedilo. Ieri il terreno sottostante la sede stradale ha ceduto per la seconda volta...

SEDILO. Fanno paura gli smottamenti che si stanno verificando lungo la 131 dcn al chilometro 12,5 nel territorio di Sedilo. Ieri il terreno sottostante la sede stradale ha ceduto per la seconda volta nel giro di poche settimane provocando una voragine di alcuni metri ai bordi della carreggiata della Abbasanta-Nuoro. Il burrone si è formato ai margini dell’asfalto, a breve distanza da una frana venuta giù il 10 dicembre. In seguito a quel primo cedimento l’Anas era intervenuta transennando 300 metri di strada e deviando sulla corsia sinistra il traffico diretto a Nuoro e a Olbia.

Le piogge intense degli ultimi giorni hanno però compromesso la stabilità del terreno, che sotto la forza erosiva dell’acqua è dilavato per una decina di metri. Ora si teme per la tenuta della carreggiata, dove si sono formate alcune fenditure, non è chiaro se a causa delle intemperie o delle sollecitazioni provocate dai veicoli. In estate l’Anas aveva realizzato un’opera di contenimento lungo quel versante, ma il fango e la terra venuti giù un mese e mezzo fa hanno travolto tutto, spazzando via reti, puntelli e il canale di scolo che convogliava anche le acque provenienti dal costone adiacente al lato opposto della superstrada. L’acqua ora si infiltra sotto l’asfalto provocando l’erosione. Lo smottamento dell’altra notte ha reso improcrastinabile la messa in sicurezza di quel versante, che in assenza di un intervento urgente rischia di sbriciolarsi e di compromettere irrimediabilmente l’asse stradale.

L’allarme è stato lanciato ieri mattina dal comandante e dal vice della compagnia barracellare di Sedilo, che dopo una prima ricognizione hanno segnalato il problema al Comune e allertato il Corpo forestale. Successivamente hanno compiuto un sopralluogo gli agenti della stazione Forestale di Ghilarza e un referente dell’Anas. Quella che si è aperta ieri vicino a Sedilo è l'ennesima ferita alla viabilità dell’Alto Oristanese, che una settimana fa ha registrato anche gravi danni alla Provinciale 24. E sempre ieri, un masso è franato sulla Provinciale 11 tra Ula Tirso e Busachi. I vigili del fuoco hanno effettuato un primo intervento, in attesa di un secondo che verrà effettuato alla luce.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes