Insufficienti i dispositivi per diabetici

Il consigliere regionale Solinas chiede la revisione dei protocolli

ORISTANO. La farmacia ospedaliera della Assl di Oristano non consegna un numero di dispositivi di misurazione della glicemia ai diabetici. Lo denuncia in una nota il consigliere regionale dei Cinque Stelle Alessandro Solinas, che sul tema ha rivolto un appello al presidente Solinas e all’assessore alla sanità Neddu. «In questi giorni assistiamo all’ennesima offesa ai cittadini. Mi riferisco ai tanti diabetici che fanno capo alla Assl, ai quali le farmacie ospedaliere non stanno consegnando il numero di dispositivi di misurazione in continuo della glicemia indicato nei rispettivi Piani terapeutici. Una situazione incresciosa e avvilente, dal momento che i pazienti si presentano con un Piano terapeutico stilato dal proprio diabetologo, ma che, inspiegabilmente, non viene riconosciuto valido dalla farmacia ospedaliera, la quale riduce il numero dei dispositivi indicati dal medico sulla base di una delibera regionale di cinque anni fa».

Secondo il consigliere regionale è tempo che la Regione riveda le regole per la prescrizione di microinfusori e sensori. «I dispositivi assegnati devono essere in numero congruo. il numero di diabetici sardi è molto alto rispetto alla media nazionale».

Solinas accoglie con favore la notizia comunicata dall’assessore alla sanità Nieddu secondo cui nella prossima finanziaria è previsto lo stanziamento per la prescrizione del sensore Free Style Libre, che permetterà la misurazione dei livelli di glicemia nel sangue senza dover effettuare punture, ma per migliorare le condizioni di vita dei diabetici sardi resta ancora tanto da fare».

WsStaticBoxes WsStaticBoxes