Il capoluogo è distante, gli anziani rinunciano

Laconi. Appello del sindaco alla Regione: «Molti compaesani hanno difficoltà a recarsi a Oristano»

LACONI. La difficoltà negli spostamenti potrebbe ostacolare la vaccinazione degli ultrasettantenni. Una notizia poco confortante in un periodo in cui crescono i contagi. Così, nell’ottica di una collaborazione istituzionale, per facilitare il prosieguo della campagna vaccinale e venir incontro anche alle esigenze degli utenti, il sindaco Salvatore Argiolas ha inviato ieri una lettera all’assessore regionale alla Sanità Mario Nieddu e ai vertici dell’Ats per chiedere l’attivazione del presidio vaccinale a Laconi. «Nella nostra comunità e nei comuni limitrofi – scrive il primo cittadino –, in questi ultimi giorni sta destando enorme preoccupazione tra gli amministratori, la manifesta volontà di tanti concittadini ultrasettantenni di non sottoporsi alla vaccinazione anti covid, con conseguenti maggiori difficoltà nel raggiungimento dell’immunità di gregge».

La motivazione di tale decisione sta nella difficoltà di raggiungere la sede di Oristano per effettuare il vaccino, anche in considerazione delle attuali limitazioni dovute all’istituzione della zona rossa nonché delle storiche difficoltà legate al trasporto pubblico. «Laconi – si legge nella lettera – risulta posizionata ai margini del territorio della provincia di Oristano, in posizione decentrata rispetto al capoluogo, ma facilmente raggiungibile da tanti altri centri della provincia, specie dell’Alta Marmilla. Già in occasione della vaccinazione degli ultraottantenni questa amministrazione ha messo a disposizione locali, personale e condizioni per una perfetta riuscita della giornata vaccinale, offrendo la massima collaborazione al personale dell’Assl di Oristano. Si chiede con forza – conclude il Sindaco Argiolas – di valutare la possibilità di individuare il Comune di Laconi quale centro zonale per la somministrazione dei vaccini, in concreta attuazione al principio secondo cui la sanità si reca dal cittadino e non viceversa. L’amministrazione – sottolinea ancora il sindaco – garantirebbe il massimo supporto per la migliore organizzazione dell’evento».

Intoppi invece a Genoni dove gli ultraottantenni attendono ancora il vaccino. Ieri, infatti, si sarebbero dovute eseguire le vaccinazioni per questa categoria di persone, che sono state invece rinviate presumibilmente alla prossima settimana. Secondo quanto comunicato dall’Ats di Ales il rinvio, che riguarda anche altri comuni, è dovuto al mancato arrivo delle dosi di vaccino.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes