«La Deledda deve rimanere chiusa»

“Ex-esposti all’amianto” lancia un appello all’amministrazione e alla Procura

ORISTANO. L'associazione regionale ex esposti amianto interviene sulla scuola Deledda, dissequestrata dalla Procura. «La notizia del dissequestro dell'immobile pone alcuni interrogativi da parte dei cittadini e da parte delle istituzioni in quanto durante il sequestro dell'immobile scolastico si sono attivate iniziative utili a garantire al rione cittadino del Sacro Cuore una struttura scolastica. La scuola media Grazia Deledda deve restare chiusa fino alla sua messa in sicurezza con la bonifica totale dell'amianto presente nell'immobile garantendo il diritto alla salute e tutela dell'ambiente dal rischio esposizione alla fibra killer».

Per questo motivo l’associazione ha chiesto alla Procura di valutare un sequestro della struttura a causa amianto o quanto meno di far conoscere le azioni promosse in merito al rischio esposizione amianto a seguito dei nostri esposti. «Ricordiamo che non esiste soglia di non rischio e che le patologie correlate all'amianto hanno una latenza di oltre 40 anni un killer subdolo che uccide in silenzio capace di circa 6 mila morti all'anno di cui 300 circa in Sardegna».

L’associazione ha chiesto al Comune di mantenere comunque chiuso l'immobile scolastico di via Santulussurgiu e di «programmare viste anche le risorse economiche a disposizione un progetto di intervento bonifica e messa in sicurezza della struttura dall'amianto continuando a garantire il nuovo anno scolastico presso la struttura dei Frassinetti».

WsStaticBoxes WsStaticBoxes