Auto elettriche per la sicurezza nel Sinis

CABRAS. Anche nell’Area marina protetta del Sinis, la Capitaneria di porto utilizzerà auto elettriche per la vigilanza sul territorio. L’annuncio arriva dal primo workshop su sostenibilità,...

CABRAS. Anche nell’Area marina protetta del Sinis, la Capitaneria di porto utilizzerà auto elettriche per la vigilanza sul territorio. L’annuncio arriva dal primo workshop su sostenibilità, monitoraggio e sorveglianza sulle aree marine protette che si è svolto al Centro polifunzionale del Comune. Promosso a seguito della stipula del Protocollo attuativo tra il ministero della Transizione ecologica e il Comando generale del Corpo delle Capitanerie di porto, il workshop è stato l’occasione di incontro tra gli enti istituzionali e operatori e, in ultimo, di confronto sui temi della sostenibilità, della diminuzione dell’impatto ambientale e dei rischi per l’ecosistema derivanti da comportamenti non corretti.

Ai lavori hanno partecipato la vice sindaca, Alessandra Pinna, il comandante della Capitaneria di porto, capitano di fregata Matteo Gragnani, il capitano di corvetta Nicola Ferri, Andrea De Lucia, l’ingegnera Elisa Mocci, che ha presentato la rete regionale per la conservazione della fauna marina, Andrea Camedda del Centro di recupero del Sinis, e Roberto Brundo, che ha illustrato il protocolli da attuare in caso di rinvenimento di specie in difficoltà.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes