Rogo nell'Oristanese: aperta un'indagine

Scano Montiferro (foto Francesco Pinna)

Al lavoro il nucleo investigativo della forestale. Bruciati oltre 20mila ettari, circa 70 chilometri

ORISTANO. Dopo la grande paura arrivano le prime informazioni dal fronte delle indagini sull’origine del rogo, o dei roghi, che hanno devastato il Montiferru. Il nucleo investigativo di polizia ambientale e forestale del Corpo forestale ha iniziato i rilievi nelle aree attraversate dal fuoco, andando a caccia di eventuali indizi riconducibili alla genesi del maxi incendio.

I risultati saranno trasmessi alla Procura della Repubblica di Oristano che dovrà valutare eventuali responsabilità dolose o colpose nella genesi dell’incendio. Le indagini sono partite dalla zona di Bonarcado, dove venerdì scorso un piccolo rogo si era insinuato in un canalone naturale che, per motivi in via di accertamento, non era stato spento o era stato spento parzialmente e che quindi potrebbe essere una delle cause dell’immane distruzione dei giorni scorsi.

Il servizio completo sul giornale in edicola e nella versione digitale

 

WsStaticBoxes WsStaticBoxes