I piemontesi scoprono il buon vino

Docenti e studenti dell’università di Pollenzo in visita alle cantine

NEONELI. La tradizione vitivinicola del territorio continua a suscitare interesse oltre i confini regionali, già varcati da una società dei Moratti che ha investito nel territorio. Questa volta è un ente di alta formazione a voler conoscere da vicino la reltà produttiva locale. Il 6 ottobre una delegazione di docenti e studenti dell’università di Scienze gastronomiche di Pollenzo, in provincia di Cuneo, visiterà l’azienda della società agricola Cantine di Neoneli. Il gruppo sarà accompagnato attraverso i vigneti e lo stabilimento di trasformazione dove verranno illustrati i processi e le tecniche di coltivazione. Attività svolta quasi esclusivamente a mano, inclusi i trattamenti degli impianti e la vendemmia, e nel caso dei vitigni più antichi con l’ausilio dei mezzi a trazione animale anziché a motore.

La giornata di studio proseguirà in cantina per la parte relativa alla trasformazione e alla degustazione. «Il fatto che persone qualificate si siano accorte delle potenzialità del settore può trasformarsi in un veicolo pubblicitario eccezionale», afferma il sindaco Salvatore Cau. (mac)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes