Cabras, scassinatori d’auto condannati

Tre ragazzi avevano svaligiato diverse macchine nel parcheggi di Is Aruttas

CABRAS. I predatori delle auto parcheggiate a Is Aruttas. Non è il titolo di un film, ma quel che è accaduto nel parcheggio della spiaggia del Sinis alla fine dell’estate scorsa. Il lieto fine è per gli automobilisti, molto meno per i tre ragazzi che ieri hanno fatto la conoscenza diretta con la sentenza legata al processo nato dopo il loro arresto. Erano stati bloccati dai carabinieri il 18 settembre scorso, quando il pienone di agosto era alle spalle, ma ancora i vacanzieri che andavano a godersi il bel mare erano tanti. E soprattutto lasciavano le auto nell’area di sosta dove stavano imperversando proprio i ladri.

Quel pomeriggio però andò male a Gimmy, Elvira e Alexandra Alilovic, componenti di una famiglia nomade e arrivati a Cabras in vacanza da Pistoia, dove abitualmente vivono. In Sardegna erano ospiti dalla madre a Cabras e col loro camper, secondo quanto poi accertato dagli inquirenti, avevano compiuto diverse spedizioni verso le spiagge del Sinis, facendo bottino dopo aver rotto i finestrini delle auto e portando via quel po’ di soldi e oggetti che vi trovavano all’interno.

Quando furono fermati, forse non del tutto a caso, avevano con loro diversi oggetti da scasso. Avevano invece gettato lungo la strada per poi andare a recuperarle in seguito, ma non fecero in tempo perché, messi alle strette, in caserma confessarono di essere gli autori del colpo. Una volta arrestati, sono finiti sotto processo per direttissima. Diverse sono state le strade processuali scelte: due di loro, Alexandra e Gimmy, dopo l’accordo tra il pubblico ministero Andrea Chelo e l’avvocato difensore Ignazio Ballai, hanno patteggiato due anni e due mesi e 2.200 euro di multa, mentre Elvira è stata condannata a due anni e otto mesi e a 4.500 euro di multa al termine del rito abbreviato. L’avvocato ha chiesto poi la revoca del divieto di dimora in Sardegna che era stato deciso in precedenza e, nei prossimi giorni, la giudice Elisa Marras prenderà una decisione. (e.carta)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes