Morta la veterinaria investita in via Cagliari

Nel giorno in cui il comune mette quattro dissuasori, di cui uno proprio nel punto dell’incidente

ORISTANO. Non ce l’ha fatta la veterinaria originaria di San Vero Milis, Marina Lutzu, 67 anni, rimasta gravemente ferita dopo essere stata investita il 19 ottobre, da un bus dell’Arst, in via Cagliari, di fronte ai palazzi Saia. Ieri la donna, che non si era mai ripresa dal difficile disperato intervento a cui era stata sottoposta a Sassari, è morta nel reparto di neurochirurgia del Santissima Annunziata.

Invocata senza risultato per anni, è arrivata in un giorno triste la messa in sicurezza delle strisce pedonali di via Cagliari all'altezza della stazione Arst. Non c'è solo quel tratto, per molti il più pericoloso per i pedoni cittadini a causa delle auto parcheggiate a ridosso delle strisce e trasformatosi in passato in una trappola mortale, nel progetto da 40 mila euro voluto dal Comune. «Una risposta rapida e concreta a un problema di sicurezza stradale», la definisce il sindaco Andrea Lutzu, prima che si sapesse della morte della veterinaria. L'ultimo grave incidente, proprio in quel tratto di via Cagliari, accadde proprio ai danni della veterinaria. Fu l'apice di una settimana di fuoco, che aveva visto l'investimento di altri due anziani sulle strisce pedonali, prima in via della Libertà e poi in via Ozieri «Un bilancio disastroso – aveva commentato allora l'assessore alla viabilità Francesco Pinna – c'è un discorso di prudenza e attenzione da parte di automobilisti e pedoni, ma è chiaro che si debba mettere in sicurezza le strade. Stiamo per installare dei dossi rallentatori in alcune strade più trafficate». «È evidente a tutti che l’alta velocità è una delle cause, non l’unica, degli incidenti stradali – prosegue il primo cittadino – per questo motivo, di concerto con il Comando della Polizia locale, abbiamo individuato punti particolarmente pericolosi, nei quali era necessario imporre il rallentamento delle vetture a beneficio della sicurezza dei pedoni e dei ciclisti, ma anche degli stessi automobilisti». In quattro punti pericolosi e dove gli automobilisti procedono spesso ad alta velocità saranno installati degli attraversamenti pedonali rialzati, spiega l'assessore alla Viabilità Francesco Pinna: «Si tratta di via Palmas, all'altezza di piazza Abis; via Cagliari, davanti alla stazione Arst e all'Hospitalis Sancti Antoni; e via Nazionale a Silì. I passaggi pedonali rialzati si sono già rivelati una soluzione adatta per aumentare la sicurezza della viabilità stradale, per regolamentare e migliorare la circolazione e ridurre il rischio di incidenti».(dav.pi.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes