Alloggi popolari pubblici, nuovo bando dopo undici anni

CABRAS. L’attesa è finita. È durata molto, ma alla fine la giunta Abis, ponendo rimedio a un problema che si trascinava da tempo è riuscita a centrare il risultato. È stato infatti pubblicato il...

CABRAS. L’attesa è finita. È durata molto, ma alla fine la giunta Abis, ponendo rimedio a un problema che si trascinava da tempo è riuscita a centrare il risultato. È stato infatti pubblicato il bando per la formazione della graduatoria aggiornata per l’assegnazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica. L’amministrazione ha quindi dato il via a un procedimento che in tanti aspettavano, perché a Cabras l’emergenza csa si fa sentire da tempo e sono molti coloro che attendono di poter accedere all’elenco degli aventi diritto.

«Quello legato all’edilizia popolare è un tema di grande attualità che ci sta a cuore e che rientra fra i nostri obiettivi – ha detto il sindaco Andrea Abis –. L’ultima graduatoria risale al lontano 2010 e dopo undici anni non risponde più a una corretta lettura del fabbisogno sociale attuale, ulteriormente modificato negativamente dalla crisi economica generata dal covid. Oltretutto il mercato immobiliare di Cabras è rigido e ormai in troppi non riescono a sostenere il pagamento di un normale affitto. Questo è un passo importante, ma rimane sul tavolo la necessità di procedere in tempi urgenti a nuovi interventi pubblici di edilizia residenziale che portino all’assegnazione di nuovi alloggi».

Il bando è aperto a tutti i cittadini che risiedono o svolgono la loro attività lavorativa principale nel territorio comunale. La domanda deve essere presentata entro le 13 del 27 dicembre 2021, quindi c’è tutto il tempo per preparare le pratica. Tutti i requisiti di accesso sono quelli di legge e sono riportati nel bando stesso. La graduatoria generale terrà poi conto delle condizioni del reddito e delle priorità per ciascuna categoria, come le giovani coppie, gli anziani e gli invalidi che verranno inseriti in apposite sub categorie per una maggiore tutela delle loro esigenze.

«Si tratta di un primo passo per una graduale gestione del problema delle emergenze abitative – ha sottolineato l’assessora alle Politiche sociali sanitarie e assistenziali, Laura Celletti –. Vogliamo garantire i diritti sociali a tutti e in particolare andare incontro nelle giuste modalità a coloro che si trovano in particolari situazioni di disagio».

La domanda può essere consegnata a mano o via posta mediante raccomandata con ricevuta di ritorno all’Ufficio Protocollo del Comune oppure inviata tramite posta elettronica certificata o semplice e-mail agli indirizzi protocollo@pec.comune.cabras.or.it e protocollo@comune.cabras.or.it con la dicitura “Domanda per l’assegnazione in concessione di alloggio di edilizia residenziale pubblica”.

Sarà una commissione composta proprio per questa esigenza a valutare le domande pervenute e a stilare la graduatoria provvisoria, che rimarrà in pubblicazione per un mese sull’Albo pretorio comunale.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes