La pineta dovrà rimanere fruibile e aperta a tutti

ORISTANO. Le possibili limitazioni alla fruizione della parte di pineta data in concessione alla Ivi sono state uno dei principali elementi di scontro, nel confronto tra comitato e azienda. Non...

ORISTANO. Le possibili limitazioni alla fruizione della parte di pineta data in concessione alla Ivi sono state uno dei principali elementi di scontro, nel confronto tra comitato e azienda. Non mancano, sul punto, le prescrizioni della Regione, che prevedono la redazione di un disciplinare d’uso in concerto con il Comune e il Corpo Forestale e misure compensative, nel caso di «interdizione permanente al pubblico di ulteriori aree».

Altro punto caldo è stata la questione dell’approvvigionamento idrico. La Regione ha stabilito che dovrà avvenire, in via prioritaria, attraverso il depuratore delle acque reflue di Torregrande: la ditta dovrà completare l’intervento di ammodernamento del depuratore prima della messa in esercizio del campo da golf. Il rifornimento dalla rete del Consorzio di Bonifica dovrà invece avere natura residuale, mentre l’approvvigionamento dal fiume Tirso potrà avvenire solo nella fase di transizione e per colmare un eventuale deficit irriguo. In ogni caso, tutte le opere potranno essere realizzate solo dopo il completamento delle operazioni di bonifica della vecchia area industriale su cui sorgerà il complesso turistico.(dav.pi.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes