oristano
cronaca

Violenza sulle donne, nuove forme di prevenzione

ORISTANO. La Questura di Oristano ha siglato con il Cam, Centro di Ascolto per Uomini Maltrattanti del nord Sardegna un protocollo d’intesa denominato “Zeus”. L’accordo di collaborazione, firmato dal...


08 giugno 2022


ORISTANO. La Questura di Oristano ha siglato con il Cam, Centro di Ascolto per Uomini Maltrattanti del nord Sardegna un protocollo d’intesa denominato “Zeus”. L’accordo di collaborazione, firmato dal Questore Giuseppe Giardina e dal presidente Cam Sardegna Nicoletta Malesa prevede che alle persone sottoposte ad ammonimento per atti persecutori e per violenza domestica vengano comunicato, al momento della notifica del provvedimento, della facoltà di rivolgersi al centro Cam, per essere inseriti in un percorso di consapevolezza del disvalore sociale e penale delle azioni che hanno provocato la sanzione.

Il protocollo d’intesa serve a indirizzare l’autore delle condotte violente in un percorso di cambiamento, ed è orientato al rispetto della compagna, attraverso l’assunzione di responsabilità dei propri comportamenti e, non giustificazione degli stessi. L’obiettivo del protocollo è quello di intervenire direttamente su chi opera violenza, per prevenire ed arginare episodi che spesso degenerano in reati penali anche gravi.

Il Cam Sardegna, si avvale di un equipe di lavoro multidisciplinare la ed opera in condivisione delle linee guida “Work Whit Perpetrators of Domestic Violence in Europe WWP” (parte del programma Daphne II) – e comunicherà con la Questura sul percorso intrapreso dall’uomo.

Con l’adozione del protocollo la Questura rafforza il sistema di prevenzione basato su un modello di rete virtuoso che coinvolge tutte quelle istituzioni quotidianamente impegnate contro la violenza domestica o di genere e le associazioni di volontariato. «L’accordo siglato rappresenta un traguardo fondamentale nella lotta al contrasto e alla prevenzione della violenza sulle donne – ha detto Nicoletta Malesa – non si può, e non si deve abbassare la guardia, la violenza sulle donne è un fenomeno trasversale che ci riguarda tutti».

Sae Sardegna SpA – sede legale Zona industriale Predda Niedda strada 31 , 07100 Sassari, - Capitale sociale Euro 6.000.000 – R.E.A. SS – 213461 – Registro Imprese di Sassari 02328540683 – CF e Partita IVA 02328540683


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.