oristano
cronaca

Due Giare, bilancio con l’incognita

Il consorzio turistico della Marmilla inserisce 70mila euro non assegnati


06 marzo 2022 di Ivana Fulghesu


BARESSA. Approvato il bilancio di previsione 2022 del Consorzio turistico Due Giare. «Un bilancio prevalentemente tecnico e ancora condizionato dall’incertezza dell’esatto ammontare dei fondi regionali per l’annualità in corso» ha tenuto a precisare il presidente Lino Zedda che ha, però, ribadito l’intenzione di andare avanti e di non fermarsi proprio adesso «in un momento in cui l’emergenza pandemia – dice – sembra dare un po’ di respiro e ci permette di organizzare manifestazioni e diverse attività in presenza».

Il bilancio di previsione 2022 del Consorzio ammonta a circa 220mila euro. Oltre la metà della somma, ovvero 140mila euro, arriva dai fondi regionali per la gestione del Due Giare. Fondi che nel 2020 e nel 2021 sono stati, però, ridotti del 50%. «Abbiamo previsto 140mila euro, anche se la Regione ce ne ha assegnato solo poco più di 70mila. Siamo convinti – spiega il presidente – che le nostre rimostranze saranno accolte e il finanziamento verrà ripristinato interamente. Questi 140mila euro – ha ricordato Zedda – servono per i compensi del personale, il funzionamento degli uffici, la gestione delle strutture di proprietà del Consorzio e del suo patrimonio. Dunque, senza la certezza sui fondi regionali, il nostro bilancio rischierebbe davvero di andare in rosso».

Per quanto riguarda le attività programmate, nel week end pasquale è stato confermato la Myland Cross Experience, quattro giorni di camminate a piedi o in bici alla scoperta della Marmilla con tanti eventi collaterali. Il 21 giugno, dopo uno stop di due anni ritornerà Due Giare Expo, ovvero tredici paesi in vetrina grazie ai loro prodotti e piatti tipici. «Verificheremo anche la possibilità di poter poi riproporre in autunno Myland Mtb Non Stop, mentre in estate è in programma la terza annualità del progetto fotografico A Banda, in collaborazione con l’associazione Su Palatu Fotografia con quattro nuove comunità locali coinvolte. Abbiamo sposato l’iniziativa di realizzare – ha annunciato Zedda – un’enciclopedia multimediale con le testimonianze degli anziani del territorio e proporremo un’animazione territoriale per la partecipazione ai bandi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Vorremmo creare una banca dati su tutte le imprese e le associazioni che operano nei diversi settori nei nostri comuni, anche perché in questo modo sarà più facile partecipare in maniera più veloce agli stessi bandi del Pnrr».

Sae Sardegna SpA – sede legale Zona industriale Predda Niedda strada 31 , 07100 Sassari, - Capitale sociale Euro 6.000.000 – R.E.A. SS – 213461 – Registro Imprese di Sassari 02328540683 – CF e Partita IVA 02328540683


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.