La Nuova Sardegna

Oristano

Lieto fine

Ritrovato l’anziano di Riola Sardo disperso


	Un mezzo dei vigili del fuoco
Un mezzo dei vigili del fuoco

L’84enne Lino Scanu ha passato la notte scorsa all’addiaccio nella zona di Is Benas nel comune di San Vero Milis

20 maggio 2023
2 MINUTI DI LETTURA





San Vero Milis Inzuppato d’acqua, immobile a terra dopo una caduta in seguito alla quale non è riuscito a rialzarsi. Ha trascorso una notte terribile e un’intera mattinata, quella di oggi sabato 20 maggio, in attesa che qualcuno lo soccorresse, poi finalmente una persona impegnata nelle sue ricerche l’ha individuato. Lino Scanu, 84 anni, era fermo nella zona tra il crossodromo di Riola Sardo e l’area della peschiera di Is Benas nel comune di San Vero Milis. Si era perso venerdì sera, dopo aver passato diverse ore alla ricerca di lumache. Alle 20.30 c’è stata l’ultima telefonata fatta al figlio, nella quale annunciava il suo imminente rientro a casa. Il pensionato ha detto che stava andando nel punto in cui aveva lasciato la macchina, ma durante il tragitto è caduto e non è più riuscito ad alzarsi.

Non aveva danni fisici, ma forse la stanchezza, forse il fatto che piovesse e non fosse più in condizioni ottimali non gli hanno consentito di procedere verso l’auto, che, in realtà, non era proprio vicinissima. Si trovava infatti a circa quattro chilometri dal punto in cui poi, nella tarda mattinata di oggi, Lino Scanu è stato ritrovato. Intanto, di buon mattino, era stato disposto un ampio dispiegamento di uomini e mezzi con vigili del fuoco e carabinieri in prima linea a guidare le ricerche cui hanno preso parte anche i barracelli di Riola Sardo e Cabras e tanti volontari. Hanno battuto una zona molto ampia, dove la vegetazione e il terreno con molte dune riducono di parecchio la visibilità. Alla fine l’anziano è stato ritrovato e, nonostante avesse passato la notte con gli abiti inzuppati per l’acqua della pioggia e fosse a digiuno da parecchie ore, era lucidissimo e in discrete condizioni di salute. Era solo parecchio affaticato. A complicare le ricerche, tra l’altro, ci si è messo un altro dettaglio non di poco conto: dopo la caduta Lino Scanu non ha più trovato il suo telefonino, per cui non ha potuto essere d’aiuto per chi lo cercava. (e.carta)

In Primo Piano
La tragedia

Terribile schianto nella notte: due morti e due feriti a Escalaplano

di Gian Carlo Bulla
Le nostre iniziative