La Nuova Sardegna

Oristano

Saranno riclassificati e tutelati

Cabras, via agli espropri per l’area dei Giganti

di Paolo Camedda

	Il sidnaco di Cabras Andrea Abis durante il consiglio
Il sidnaco di Cabras Andrea Abis durante il consiglio

Undici ettari passeranno di mano

01 agosto 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Cabras Il Consiglio comunale ha approvato ieri all’unanimità il progetto pubblico da cui prendono avvio gli espropri dell’area di Mont’e Prama per un importo complessivo di 780 mila euro.

«Si tratta di un passo avanti importante e strategico per il futuro non solo di Cabras ma dell’area vasta dei comuni del Sinis e della rete dei comuni Oristanesi luoghi di cultura. La procedura darà il via all’esproprio di 11 ettari del versante est di Mont’e Prama dove saranno realizzati i primi lavori e dove nel tempo intendiamo aprire una grande operazione di ricerca archeologica e di ricostruzione storica del sito. Una sfida questa di cui dovrà farsi carico la Fondazione Mont’e Prama nei prossimi anni», ha affermato il sindaco Andrea Abis.

Un iter, quello per ottenere l’autorizzazione agli espropri, avviato da tempo. A metà 2020 il Comune concluse lo studio e avviò il procedimento con il Ministero della Cultura che nel 2021 emise la dichiarazione di pubblica utilità. A questa autorizzazione è seguito il nulla osta dell’Agenzia di Distretto idrografico, della Provincia di Oristano per la procedura di Vas, dell’assessorato ambiente per la Valutazione di Incidenza ambientale, il parere preliminare del settore urbanistico della Regione per la variante urbanistica, oltreché, naturalmente, tutti i pareri della Soprintendenza archeologica.

L’atto di lunedì sera approva il progetto di fattibilità e la collegata proposta di variante al PUC, determinando una modifica della destinazione d’uso dei terreni, che da agricoli diverranno aree di tutela archeologica ma di carattere speciale, in quanto al loro interno si potranno edificare servizi per la fruizione del sito. Il Progetto prevede scavi archeologici, la realizzazione di un canale di guardia per la protezione idraulica del sito, strutture di contenimento, la perimetrazione dell’area mediante recinzione e altre opere accessorie.

Sono a disposizione del Comune di Cabras 500 mila euro per gli espropri e 280 mila euro per gli interventi.

In Primo Piano
Caos trasporti

Crash informatico: ecco che cosa sta succedendo negli aeroporti della Sardegna

di Salvatore Santoni

Video

L'avvocato Gianfranco Piscitelli: «Ecco come è stato occultato il cadavere di Francesca Deidda»

Le nostre iniziative