La Nuova Sardegna

Oristano

Tribunale

Arborea, patteggia una pena dopo l’accusa di molestie, e dovrà seguire anche corsi di recupero

di Enrico Carta

	Immagine simbolo di maltrattamenti in famiglia
Immagine simbolo di maltrattamenti in famiglia

L’uomo obbligato a frequentare un centro dedicato ad autori di maltrattamenti

17 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Arborea Patteggia un anno e mezzo e beneficerà della sospensione condizionale della pena, dovrà però frequentare un centro per adulti autori di maltrattamenti. È quanto deciso dal giudice Salvatore Carboni che ha ratificato l’accordo tra il pubblico ministero Silvia Mascia e l’avvocato difensore Fabio Costa.

La vicenda somiglia in tutto e per tutto alle tante che stanno venendo a galla e ha origini in ambito domestico, dove il marito costringeva la compagna a subire una serie di violenze verbali e psicologiche che avvennero anche di fronte alla presenza dei figli minori. A rompere la spirale di violenza fu l’allontanamento volontario dalla casa coniugale della signora, ormai decisa a non sopportare oltre le angherie del marito capace di continue scenate di gelosia e di imporre quasi una clausura alla donna. Le veniva infatti impedito di uscire di casa e veniva obbligata a non frequentare altre persone al di fuori del nucleo familiare. I pedinamenti e i controlli erano ossessivi e dentro casa le scenate erano frequenti. Portavano al danneggiamento di mobili e oggetti e agli insulti pesanti nei confronti della moglie. A questi bisognava aggiungere le minacce e, in qualche occasione, anche le violenze fisiche con strattoni e spintoni. Come mezzo di ricatto usava poi la subdola minaccia di ammazzarsi, arrivando a puntare contro se stesso un grosso coltello da cucina. Quando poi la moglie decise di interrompere la relazione e di cambiare casa, portando con sé i due figli, il marito si appostò lì davanti facendo sentire la sua presenza come una minaccia incombente. Denunciato e finito sotto inchiesta, ha scelto quindi di patteggiare la pena con l’aggiunta della frequentazione del centro per adulti autori di maltrattamenti.

In Primo Piano
L’inchiesta

Truffa del “bonus facciate”, la Procura di Sassari chiede 53 rinvii a giudizio

di Nadia Cossu
Le nostre iniziative