La Nuova Sardegna

Oristano

Elezioni comunali

Bosa, per le elezioni amministrative prime prove di campo largo nel centro sinistra

di Alessandro Farina

	Il municipio di Bosa
Il municipio di Bosa

Iniziativa dall’area dei cinque Stelle

18 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Bosa Nella città del Temo esiste un tavolo del centro sinistra che, sullo schema del Campo Largo delle vicine Regionali, che ha visto prevalere lo schieramento guidato oggi dalla neo presidente della giunta Alessandra Todde, mira alla creazione di una lista alle amministrative di giugno 2024.

E’ quanto emerge da un comunicato firmato da Carlo Solinas, già candidato alle regionali di febbraio con la lista “Uniti per Alessandra Todde,” che traccia inoltre una serie di questioni da discutere anche con elettori e cittadini, nella condivisione programmatica.

«L’idea di sviluppo, concertata con la cittadinanza è senz’altro la via maestra per garantire pluralità e rappresentanza. Certo il tempo che ci separa dalle elezioni è breve, nonostante ciò, propongo che al più presto il tavolo programmatico delle forze politiche coinvolte dal Campo Largo si apra alla cittadinanza» afferma  Solinas, che lancia una serie di indicazioni e proposte dal fronte della potenziale alternativa di centro sinistra, schieramento assente dal consiglio comunale da quasi un lustro, a Bosa.

«Manutenzione della cittadina e cura del decoro urbano, attraverso l’utilizzo di lavori socialmente utili e attraverso l’incentivazione della cura del verde pubblico, anche in capo al volontariato», uno dei temi che apre il ventaglio di questioni e proposte programmatiche, nel comunicato. Fra gli altri punti citati la «razionalizzazione degli investimenti pubblici in termini di efficacia ed efficienza della spesa, evitando quindi le cattedrali sul deserto e ancora peggio le incompiute, con la conclusione delle opere in corso e delle opere per la mitigazione del rischio idrogeologico» e la «riqualificazione degli spazi e delle opere pubbliche inutilizzate».

Sempre Solinas apre alla nascita del terzo ponte carrabile sul Temo, alla realizzazione di aree per parcheggi, alla pedonalizzazione del centro storico, compresa l’idea di ripristinare il Lungotemo secondo lo schema ottocentesco.

 Più in generale si guarda anche alla nascita di un “Tavolo interprovinciale permanente” con obiettivo il potenziamento della viabilità sulla costa occidentale Sarda. Alcuni punti, altri sono elencati nel lungo comunicato, rispetto ad un programma definito dallo stesso Carlo Solinas «ambizioso ma realizzabile, con il lavoro congiunto delle forze politiche e dell’intera cittadinanza».

In Primo Piano
Il focus

Top 1000: aziende più forti, il personale la vera ricchezza

di Serena Lullia
Le nostre iniziative