La Nuova Sardegna

Oristano

Gli interventi

Ciclista ubriaco semina il panico sulla 131 e cerca di sfuggire alla polizia stradale

di Caterina Cossu
Ciclista ubriaco semina il panico sulla 131 e cerca di sfuggire alla polizia stradale

Intervento delle pattuglie anche per salvare una donna in stato confusionale e un cane

01 maggio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Oristano La statale 131 ha tenuto impegnate le forze dell’ordine lo scorso fine settimana, dove la Polizia Stradale è dovuta intervenire per evitare che da comportamenti banali e scorretti ci potessero essere ben più gravi conseguenze.

Sabato 27 aprile a creare problemi è stato un ciclista indisciplinato che ha fatto scattare l’allarme al centralino del numero unico di emergenza 112 con numerose segnalazioni. Intorno al km 84 della Carlo Felice, tratto di strada extraurbana principale dove è tassativamente vietato il transito di biciclette, si aggirava indisturbato un presunto amante delle due ruote. Gli operatori, con estrema rapidità, si sono recati sul luogo segnalato e hanno accertato effettivamente la presenza di un uomo in bicicletta, ma la situazione era ancora peggiore delle segnalazioni: il ciclista era infatti ubriaco e, al momento dell’intervento dei poliziotti, è stato sorpreso mentre tentava di saltare pericolosamente da un lato all’altro del guardrail. Gli agenti si sono preoccupati anzitutto di salvarlo, poi hanno contattato qualcuno che lo riportasse a casa, con in tasca una bella multa per tutte le violazioni commesse.

A creare ulteriore pericolo, ci si è messo un cane. Le pattuglie sono dovute intervenire per recuperarlo dalla carreggiata. Il cane di razza pittbull vagava infatti disorientato intorno al km 90 e ha riportato l’attenzione su un problema purtroppo ricorrente anche sulle strade sarde e dell’Oristanese, dove l’abbandono degli animali domestici è purtroppo una realtà frequente. Il tempestivo intervento degli agenti ha evitato che l’animale, attraversando la carreggiata, mettesse in pericolo sé stesso e chi percorreva al volante entrambi i sensi di marcia. Gli operatori, dopo averlo bloccato e messo in sicurezza, l’hanno tranquillizzato e successivamente affidato alle cure di una guardia zoofila, chiamata in soccorso.

Anche una giovane donna, durante la scorsa fine settimana, ha messo in pericolo se stessa e chiunque transitasse nella superstrada, aggirandosi in stato confusionale a piedi nel tratto di strada dove si può transitare solo a bordo di veicoli, a pochi chilometri di distanza dal luogo del precedente intervento. Gli operatori sono dunque accorsi per metterla al sicuro e hanno richiesto successivamente l’intervento dei sanitari del 118, che l’hanno trasportata al pronto soccorso, mentre i poliziotti si sono preoccupati di rintracciare i suoi familiari e farli arrivare dov’era in corso l’intervento.

In Primo Piano
Allarme

Emergenza siccità, la Baronia come il Texas: asciutti anche i pozzi

di Alessandro Mele
Le nostre iniziative