La Nuova Sardegna

Oristano

Sanità

Asl e sindaci difendono gli ambulatori straordinari: «Gli ASCoT unica risposta alla carenza di medici di base»


	La riunione tra l'Asl e i sindaci del Distretto sanitario di Ales-Terralba
La riunione tra l'Asl e i sindaci del Distretto sanitario di Ales-Terralba

Il progetto pilota partito nel 2023 continuerà a garantire l’assistenza sanitaria ai pazienti che sono rimasti senza il medico di famiglia

06 maggio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Ales Tutti d’accordo nel seguire la linea tracciata sino a che non arriveranno tempi migliori. Per ora non c’è alternativa alla carenza di medici di base e quella degli Ambulatori straordinari di continuità territoriale resta l’unica soluzione a un problema più generale che investe tutta la Sardegna. «Il progetto pilota degli Ascot avviato dall’Asl 5 di Oristano poco più di un anno fa è da sostenere e da portare avanti, perché al momento rappresenta l’unica risposta efficace alla crisi della medicina territoriale, che riguarda tutta la nazione», è in sintesi l’esito su cui hanno concordato la direzione generale della Asl di Oristano e i primi cittadini del distretto sanitario di Ales-Terralba durante la riunione della conferenza dei sindaci dello stesso distretto sanitario della Marmilla e del Terralbese, che si è svolta stamani, lunedì 6 maggio, nel poliambulatorio di Ales.

Gli Ascot Sono ventisei gli ASCoT attivi in tutto il territorio dell’Oristanese. Diversi sindaci hanno esposto le loro richieste per migliorare ancora di più questo servizio a disposizione di quei cittadini che sono rimasti senza medico di base. «Il sistema degli ASCoT, che si basa sull’adesione volontaria dei medici, viene costantemente monitorato dalla direzione generale e dai nostri uffici e si interviene anche con correzioni e modifiche, dove se ne palesi la necessità», ha detto il direttore generale della Asl 5, il dottor Angelo Maria Serusi, presente alla riunione di Ales con il direttore socio-sanitario dell’azienda sanitaria oristanese, il dottor Alessandro Baccoli direttore della Struttura Semplice Integrazione Ospedale-Territorio, la dottoressa Marilena Muggianu, il direttore del distretto di Ales-Terralba, il dottor Andrea Floris e il direttore del servizio tecnico della Asl 5, l’ingegner Daniele Saba.

Gli sforzi sono stati apprezzati dai sindaci, che hanno ribadito l’importanza del progetto pilota. «Il servizio offerto dagli ASCoT è fondamentale in questo momento per i cittadini dei nostri territori – ha sottolineato il sindaco di Ales Francesco Mereu, presidente della conferenza del distretto socio-sanitario di Ales-Terralba –. Siamo pronti a sostenerlo e a difenderlo».

I lavori L’ingegnere Daniele Saba ha informato i sindaci sullo stato di attuazione di alcuni progetti: «Per la casa della salute di Terralba siamo nella fase conclusiva della progettazione definitiva, poi si passerà alla conferenza dei servizi e al progetto esecutivo. Per il poliambulatorio di Mogoro siamo nella fase del progetto esecutivo e presto verranno appaltati i lavori, che dureranno circa sei mesi. Siamo infine nella fase della progettazione per l’intervento di sistemazione dei locali della guardia medica di Baressa».

In Primo Piano
Squadra Mobile

Sassari, maxi blitz antidroga: 22 indagati e un arresto per marijuana e ketamina

Video

Sassari, Giuseppe Conte al mercato di piazzale Segni: "In Europa per opporci all'austerity e proteggere i lavoratori"

Le nostre iniziative