La Nuova Sardegna

Oristano

Sanità

Quattro pediatre nuove più un ritorno, l’Asl di Oristano risponde all’emergenza


	Una visita pediatrica
Una visita pediatrica

Concluse le chiamate dei medici candidati per le sedi carenti col bando dell’Ares

08 maggio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Oristano Assegnate quattro sedi di pediatria di libera scelta nel territorio di competenza della Asl 5 di Oristano. E quattro tutte assieme, vista la situazione in cui versa il territorio da anni, sono ben più di una boccata di ossigeno. Ares Sardegna ha infatti concluso le chiamate dei medici pediatri che si erano candidati per le sedi carenti di pediatria messe a bando per tutta la Sardegna così da colmare i vuoti nell’assistenza sanitaria. Per quanto riguarda la provincia di Oristano, nell’ambito 1, che comprende i comuni di Oristano, Cabras, Palmas Arborea, Santa Giusta, Siamanna, Siapiccia, Simaxis e Villaurbana prenderanno servizio la dottoressa Simona Casano e la dottoressa Stefania Frascaro, quest’ultima finora impegnata nell’ambito 4 del Montiferru. Nell’ambito 5 cui fanno riferimento gli assistiti di Arborea, Marrubiu, San Nicolò d’Arcidano, Terralba e Uras, la dottoressa Francesca Corrias assumerà la titolarità dopo aver precedentemente svolto il lavoro con un incarico provvisorio. Infine nell’ambito 7 che serve i comuni di Gonnoscodina, Gonnostramatza, Masullas, Mogoro, Pompu, Simala e Siris ha accettato l’incarico la pediatra Francesca Demelas. Le quattro pediatre hanno adesso sessanta giorni per aprire il loro ambulatorio. Inoltre dal prossimo 1° luglio entrerà in servizio la dottoressa Dina Fantasia, specialista ambulatoriale interna di pediatria, anche a sostegno della pediatria territoriale. Oltre a questa sua funzione principale, sarà quindi a sostegno della pediatria territoriale, quando ci sarà necessità per far fronte ad assenze improvvise ed emergenze «È un’importante risposta alla carenza di pediatri in tutto il territorio della nostra azienda – ha commentato il direttore generale, il dottor Angelo Maria Serusi –. La direzione generale, la direzione socio-sanitaria e la Struttura semplice dipartimentale per l’integrazione tra ospedale e territorio, di concerto con Ares Sardegna, hanno lavorato alacremente nelle ultime settimane per raggiungere questo risultato».

In Primo Piano
L’inchiesta

Truffa del “bonus facciate”, la Procura di Sassari chiede 53 rinvii a giudizio

di Nadia Cossu
Le nostre iniziative