La Nuova Sardegna

Oristano

Teatro

Cabras, domani in scena la Passione di Cristo

di Paolo Camedda

	Una foto di scena dello spettacolo teatrale
Una foto di scena dello spettacolo teatrale

In piazza Stagno alle 21

10 maggio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Cabras Si terrà domani sera, in Piazza Stagno, alle 21, la rappresentazione scenica "La Passione di Cristo", giunta alla sua quinta edizione. L'opera teatrale, che coniuga fede, arte e tradizione, fa tappa per la prima volta nel paese lagunare, dove è stata fortemente voluta dall’arcivescovo emerito Monsignor Ignazio Sanna.

«Si tratta di una rappresentazione artistica del mistero della passione di Cristo - spiega il parroco -, che comprende anche la resurrezione. C'è stato un contributo economico della Fondazione Mont'e Prama, il patrocinio del Comune e l'impegno congiunto delle parrocchie per far sì che si potesse svolgere qui a Cabras».

La rappresentazione sarà portata in scena dalla Shams Academy di Oristano, accademia che opera nel territorio da oltre 10 anni. La direzione artistica è di Simona Sedda ed Eduardo Javier Ghiani, che sono anche l'ideatori. L'ingresso è libero.

«La Passione di Cristo" nasce nel 2018 in occasione dell'anniversario dell'episcopato di Monsignor Ignazio Sanna, arcivescovo emerito di Oristano –   spiega Ghiani – nasce da un'ispirazione di Simona. La rappresentazione è fatta attraverso il Teatro Danza Orientale, anche le musiche e la meditazione sono Mediorientali. Il linguaggio è laico, rivolto a tutti, anche ai non cristiani, ma la rappresentazione è stata approvata anche dalle istituzioni ecclesiali, che abbiamo coinvolto per un supporto teologico. Vi partecipano le allieve dell'accademia e coinvolgiamo anche persone del posto, che prepariamo noi. Per noi è molto importante che al termine dello spettacolo gli spettatori vadano via sentendosi più ricchi interiormente, spiritualmente».

Ghiani entra nel dettaglio delle varie scene: «Lo spettacolo comincia con l'ingresso trionfale di Gesù a Gerusalemme, poi ci sono l'ultima cena, l'orto degli ulivi, e una scena inedita è quella di Giuda, che abbiamo introdotto in questa edizione, fino alla crocifissione, alla morte e alla resurrezione».

Prima dello spettacolo l'arcivescovo emerito di Oristano, Monsignor Ignazio Sanna, presenterà il suo ultimo libro "Testimoni d'eterno amore nel tempo: le sfide attuali dell'antropologia cristiana", arricchendo ulteriormente l'evento.

In Primo Piano
Allarme

Emergenza siccità, la Baronia come il Texas: asciutti anche i pozzi

di Alessandro Mele
Le nostre iniziative