La Nuova Sardegna

Oristano

Cronaca

Tadasuni, incendio distrugge due auto e ne danneggia una terza

Tadasuni, incendio distrugge due auto e ne danneggia una terza

Rogo doloso nel cortile della casa dell’allevatore Salvatore Miscali. Ritrovata vicino all’abitazione una tanica probabilmente abbandonata dagli attentatori

13 maggio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Tasasuni Un incendio, con tutta probabilità doloso, ha distrutto due Fiat Panda e danneggiato una terza auto. Appartengono tutte alla stessa persona, l’allevatore di 50 anni Salvatore Miscali, ed erano parcheggiate in un garage che dà su un giardino e nelle sue immediate pertinenze in corso Impero, via che coincide anche con la strada provinciale numero 15. Le fiamme sono divampate poco dopo la mezzanotte di oggi, lunedì 13 maggio, quando i vigili del fuoco sono intervenuti una delle auto era già danneggiata irreparabilmente, mentre la seconda stava ancora andando a fuoco e le fiamme avevano raggiunto la terza. Sul probabile attentato stanno indagando i carabinieri della compagnia di Ghilarza, ma il fatto che sia stata ritrovata una tanica nei pressi della casa dove l’allevatore vive assieme alla madre e alla sorella è un indizio importante. A Salvatore Miscali e ai suoi familiari sono arrivate le testimonianze di solidarietà da parte del sindaco Pier Paolo Pisu e dell’intera amministrazione comunale che hanno voluto testimoniare di persona la vicinanza alla famiglia colpita dall’attentato.

Ad accorgersi dell’incendio è stato proprio Salvatore Miscali, il quale stava già dormendo e si è alzato per bere un bicchiere d’acqua. In quel momento ha notato un bagliore all’esterno e quindi ha sentito un rumore molto simile al boato di una piccola esplosione. Una volta uscito in giardino ha visto le due auto in fiamme e ha dato l’allarme. Oltre alle macchine sono andati distrutti anche alcuni attrezzi da lavoro, un refrigeratore per il latte e un compressore.

In Primo Piano
Baronia

Spari nella sede del consorzio di bonifica di Siniscola, il consigliere comunale Giovanni Bomboi è ricercato dai carabinieri

di Sergio Secci
Le nostre iniziative